news-624859_960_720

BuoneNews: “Pianeta felice” n°30

Napoli: ci sono intervalli di tempo dove le differenti città dell’Europa culturale si stringono l’occhio a distanza, instaurano un’alleanza e donano momenti di elevazione votata all’estetica ed al senso della storia. Il mare chiaro ed azzurro campano chiama, e le onde del fiume Senna da Parigi rispondono. A Palazzo Zevallos Stigliano fino all’8 aprile 2018 le Gallerie d’Italia presentano l’esposizione – da De Nittis a Gemito- i napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo. Oggetto della sfilata delle bellezze artistiche i rapporti e le relazioni ispirate all’estetica ed alla civiltà culturale fra Parigi e i talenti napoletani.
Continue reading “BuoneNews: “Pianeta felice” n°30”

26913893_788157614701990_2130544723_n

Sulle ali dell’arte: intervista con l’attrice Elisa Billi

Oggi sulle Ali dell’arte dialoga con un’attrice giovane, brillante e piena di capacità. Delicatezza, eleganza, femminilità, in una parola Elisa Billi.

  • Innanzitutto, parliamo un po’ della tua biografia, elemento che ci aiuta a comprendere meglio il tuo affascinante percorso attraverso il quale il personaggio e la persona si incontrano influenzandosi a vicenda. Quali sono le tappe principali del tuo cammino nel bel sentiero dell’arte?

Nasco a Firenze, città alla quale sono legata e della quale sono molto orgogliosa; il teatro e la danza rappresentano per me fin da giovanissima un’attrazione irrinunciabile, mossa anche dalla passione per tutto quello che è in grado di elevarci culturalmente ed esteticamente. I movimenti, i gesti e le parole del palcoscenico per me rappresentano la luce che riempie la vita, che la dipinge in una varietà di colori ed in questi campi davvero il movimento acquisisce un senso. Quello che noi tutti ricerchiamo continuamente, il senso in ogni situazione; e l’arte, la cultura e la bellezza possono aiutare le persone ad interrogarsi sulla complessità dell’esistenza. Se i primi passi li muovo a Firenze, per iniziare a lavorare sodo devo trasferirmi a Roma, e così è stato. Mi sono formata presso il Teatro Azione ed ho seguito parecchi corsi di formazione, non solo per migliorare nel mio campo ma anche per affrontare le sfide della comunicazione e quelle attoriali in maniera interdisciplinare. Ho capito che bisogna studiare approfondendo ogni singolo aspetto dell’arte con determinazione ed allo stesso tempo con la voglia di mettersi in discussione, per crescere, per potenziare le proprie qualità e per correggere i difetti. Mi sono laureata in Scienze Turistiche branca di economia e commercio e ho frequentato per un anno un corso di doppiaggio che ho trovato molto utile per comprendere l’uso efficace ed ottimale della voce. La recitazione mi ha sbloccato, è riuscita a far emergere la parte migliore di me. Continue reading “Sulle ali dell’arte: intervista con l’attrice Elisa Billi”

index

BuoneNews Speciale Epifania

Epifania: l’Epifania viene celebrata dalla Chiesa Cattolica il 6 gennaio ed è considerata una delle massime solennità assieme al Natale ed alla Pentecoste; letteralmente presenza divina, manifestazione, venuta, si riferisce alla prima manifestazione pubblica della divinità con la visita dei Re Magi al bambinello. Quindi si celebra l’incontro di queste tre figure emblematiche con il Salvatore e la loro conseguente conversione.

Ieri per i bambini è arrivata la Befana e noi di Different Magazine abbiamo deciso di dare dei consigli che possono essere dei doni per una befana posticipata per la prossima settimana.

Consigli di lettura: per gli adulti appassionati di giornalismo e belle penne consigliamo Una Vita di Massimo Fini, come recita il sottotitolo un libro per tutti o per nessuno. Non soltanto la biografia di uno scrittore, saggista, cronista ed editorialista di spessore, Continue reading “BuoneNews Speciale Epifania”

25589622_776770775840674_403044514_n

Al Teatro Tordinona a gennaio con “Il Ladro di Anime” per ripartire intelligentemente

Storia di un impiegato rappresenta un’immagine accompagnata da suoni senza tempo proveniente da molto lontano ma, come tutte le verità profonde, ha un significato sempre attuale, che trasponendosi nel presente e nella realtà sotto i nostri occhi trasmette il messaggio universale ed antropologico dell’uomo alle prese con le sfide della società, con le sue qualità ed i suoi difetti e con quella capacità di affrontare al meglio il presente proprio nei momenti di tensione.

Il Ladro di Anime trae spunto da un album di Fabrizio De Andrè, collezione di perle sonore, che diviene lo stimolo giusto per cambiare la situazione sociale ed esistenziale, magari concedendosi attimi di riflessione e momenti di azione sul proscenio di un teatro; questo luogo è in grado di svelarsi come lo specchio della vita.

Continue reading “Al Teatro Tordinona a gennaio con “Il Ladro di Anime” per ripartire intelligentemente”

25589622_776770775840674_403044514_n

COMUNICATO STAMPA. Sulle tracce della musica del “Il Ladro di Anime”

Andrea Lulli, ottimo chitarrista, accompagna musicalmente il concerto delle menti, delle interiorità e dei cuori dei ragazzi di “Il Ladro di Anime” nonché il regista Alessio Pinto che oltre ad aver messo in piedi uno spettacolo che coniuga la descrizione della realtà sociale con la voglia di sogno e di riscatto, in questa occasione tra l’altro canta.

Andrea quale è il valore essenziale della musica, delle parole e dei sottotesti di De Andrè nell’opera, come descriveresti il suo valore aggiunto a teatro?

Direi che prevale l’aspetto cantautoriale, quello profondo dei testi ragionati e vissuti dove la poesia si incontra con la realtà, e quello delle musiche veicolo di saggezza e semplicità allo stesso tempo. Mi attira in lui la qualità di cantastorie, che è ancora più valorizzata dalle storie e dalle immagini che si consumano sul palcoscenico.

Il De Andrè pensiero, dal punto di vista di un musicista che si avvicina e si immerge nel percorso teatrale, quanto si potrebbe definire presente e protagonista nella narrazione? Continue reading “COMUNICATO STAMPA. Sulle tracce della musica del “Il Ladro di Anime””

news-1644686_960_720

BuoneNews: “Pianeta felice” n°29

Scienza: quella macchina perfetta e miracolosa che guida tutte le nostre azioni, i pensieri ed i ragionamenti e governa le nostre vite ed esistenze, il cervello, gode di autonomia, una sorta di indipendenza che lo rende libero ed autodeterminato. Quando uno stimolo visivo non giunge alla nostra percezione cosciente e quindi non ne abbiamo alcuna consapevolezza, il nostro cervello lo elabora e dove la forma e la sostanza dell’oggetto lo permettano riesce a codificare e a decodificare le azioni motorie che possono essere compiute. Si tratta di un meccanismo adattivo in virtù del quale siamo pronti ad agire ed interagire di fronte agli stimoli, alle sollecitazioni, e alle pressioni dell’ambiente ed alle logiche spaziotemporali. Questa è la scoperta che sostanzia gli studi dei ricercatori della Divisione di Neuroscienze e dell’Unità di Neuroradiologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele e dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Lo studio è stato pubblicato su “The Journal of Neurosciences.” I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale che è in grado di localizzare le strutture celebrali attivate da uno stimolo. In passato era stato evidenziato che nelle regioni frontali e parietali ci sono neuroni che si attivano sia quando compiamo un’azione su un oggetto, per esempio afferrando un bicchiere, sia quando lo miriamo semplicemente. Dallo studio e l’analisi dei dati a disposizione e delle acquisizioni precedenti si è appreso che anche quando le informazioni visive non sono percepite consapevolmente il cervello è reattivo automaticamente attraverso l’attivazione delle regioni frontali e parietali, che pianificano e programmano le nostre azioni verso gli oggetti e quindi i possibili spostamenti che potremmo realizzare e compiere nella loro direzione. Lo studio dell’area celebrale è Continue reading “BuoneNews: “Pianeta felice” n°29”