BuoneNews: “Pianeta felice” n°7

Apicoltura: l’apicoltura, che si sostanzia nell’allevamento delle api e nel volo sulle nostre tavole mattutine e serali del miele, conosce grande diffusione in Italia, paese agricolo e parzialmente industriale. Fra le bellezze montanare, paesaggistiche e le sapienze tradizionali e gastronomiche, le Dolomiti riservano sorprese stupefacenti. Jurgen dalla Libera, membro dell’Associazione Alpidolomiti nel bellunese, dedica al miele ed al volo degli insetti gialli e neri la sua passione e la sua professionalità, un interesse che sorge da bambino nell’osservazione e nello studio della loro organizzazione. Secondo lo studio dell’Osservatorio nazionale del miele sono circa quarantamila gli apicoltori in Italia, fra professionisti e non professionisti.

Intervistato da Altra Italia dalla Libera ci dice che in inverno l’apicoltore diviene un falegname, risanando casette e mettendo a posto tutto l’occorrente apistico per la primavera. Jurgen sente in sé una missione: quella di proteggere l’ape, uno degli animali più utili nei nostri continenti e sul nostro mappamondo.

Lo Stato dovrebbe premiare queste eccellenze italiane, invece di penalizzare chi produce, rischia e porta sulle nostre tavole delicatezze culinarie; finisce che si favoriscono prodotti europei, scadenti e di bassa lega per far contenti i burocrati di Bruxelles.

Milano: dal 27 al 29 ottobre 2017 Milano si trasforma nella capitale del formaggio; si  godrà dei prodotti tipici presso il Chiostro della Magnolia nel palazzo della Fondazione Stelline.

Sarà possibile ricomporre tutto il puzzle italiano, incastrando i pezzettini delle differenti tradizioni italiane, che, comparate arricchiscono dibattiti e gusto e sposate l’una con l’altra danno il via a commistioni e ad ipotesi di nuove specialità. Il tutto all’insegna del sapore. In collaborazione con Onaf, Formaggitalia darà l’opportunità al pubblico ed ai produttori di conoscere i migliori marchi.

Mugello: alle porte della patria del Rinascimento, Firenze, rinasce la voglia di celebrare Giotto, proprio a 750 anni dalla sua nascita; qui la presenza dell’artista e dei suoi familiari è testimoniata  da archivi, documenti storici, memorie, veri patrimoni da preservare per rivivere il passato, approfondire ed apprezzare al meglio i capolavori presenti, pensare a buone pratiche e strategie per far sì che la cultura sia sempre uno strumento per migliorare ed elevare lo stato dell’arte e dell’umanità.

Il Mugello sta organizzando un itinerario geografico ed artistico che partendo dalla Madonna, che si trova presso la Pieve di Borgo San Lorenzo, dia linfa ad un percorso per riscoprire e valorizzare la visibilità e la conoscenza delle opere trecentesche presenti sul territorio. Maggiori informazioni sono presenti sul sito www.mugellotoscana.it, per volare sulle ali dell’arte e del paesaggio.

Riva del Garda e dintorni: il Trentino, come diciamo sempre, riserva continuamente meraviglie e sorprese; una di queste novità è la possibilità di visitare le centrali idroelettriche per comprendere come l’acqua si trasformi in energia. Sentieri mai contemplati, simulazione di operazioni legate all’energia e visite guidate per ammirare da vicino le bomboniere architettoniche, l’ingegneria storica e le bellezze territoriali. Prima della visita reale per farsi un’idea sarebbe consigliabile una visita in rete sul gruppo Dolomiti Energia. Perché siamo fatti di acqua e di energia…

Roma: è stato da poco concluso il rinnovato allestimento di Palazzo Braschi, edificio del 700 nella centralissima Piazza Navona. Al secondo e terzo piano è possibile rivivere l’esistenza culturale e sociale della capitale, con percorsi e panoramiche introspettivi della romanità più profonda. Al primo piano il biglietto da visita dell’edificio è garantito dal centro di documentazione, un archivio di documenti e libri della biblioteca. La biblioteca del sapere sulla storia di Roma, l’archivio dal sapore di romanità.

Argentina: il governo Macri deve deliberare se vadano sfruttati ed ottimizzati i giacimenti di idrocarburi oppure sia meglio guardare a politiche di lungo periodo e di maggior respiro. Quello che è importante è il fatto di aver riscontrato a Vaca Muerta la presenza di riserve di gas e petrolio non convenzionali su una superficie paragonabile a quella del Belgio. La bella notizia è che si potrà inaugurare l’esplorazione e la conseguente produzione di scisto estendibile anche al Paese.

Il gas di scisto è l’ultima frontiera dell’estrazione di idrocarburi.

A proposito di api…Mark Watson, il Saggiatore, rivela la vita, il lavoro, la divisione delle competenze e la specializzazione delle api nelle loro sfere domestiche, gli alveari. Le api insegnano a gestire il tempo, a non perderlo e a fronteggiare le avversità. Potenza della Natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *