I cani sono meglio delle persone? Per alcuni, forse, si!

Ormai è risaputo che il cane sia il migliore amico dell’uomo. Ma siamo sicuri che l’uomo sia il migliore amico che il cane vorrebbe?

Disumanità.

Questa è l’unica parola che, ad analizzare certe circostanze, mi viene in mente.

In un paese di fede – o quanto meno di cultura – cattolica, ci si dovrebbe a volte ricordare di uno dei dieci comandamenti impressi sulle tavole che Mosè lesse sul Sinai: << ama il prossimo tuo>>.

Eppure questo precetto divino – che più che divino è “umano” nel senso stretto del termine – sembrerebbe la “via” più difficile da percorrere in questo preciso momento storico.

Il problema dell’immigrazione e la lotta orizzontale del povero contro l’altro povero che questo fenomeno sta favorendo, ci stanno disumanizzando.

Così, mentre nelle sedi romane di Forza Nuova vengono addestrati ragazzini – adolescenti! – a massacrare Pakistani e Bengalesi, a Salerno, durante la solita “deportazione”, su una nave, senza vita, ci sono ventisei corpi di ragazze, tutte poco più che bambine.

Nulla di nuovo, insomma; il mare, di quei morti lì, ne fa a centinaia.

E infatti la cittadinanza di Salerno non si indigna, non si altera, non smette di parlare di calcio e della Salernitana che ha pareggiato in campionato.

Ma tutto questo disinteresse, che di per sé sembrerebbe già scandaloso, lo è ancora di più se si pensa che la stessa cittadinanza di Salerno non ha esitato a scendere in piazza e manifestare per Chicca, una cagnolina che qualche mese prima era stata assassinata da qualche balordo per strada.

Manifestare per Chicca è stato giusto, senza dubbio.

Ma, probabilmente, la stessa indignazione la si doveva provare anche nei confronti di ciò che è accaduto alle ventisei ragazze e alle altre centinaia di vittime che questa vera e propria tratta degli schiavi ha mietuto e continua a mietere.

A quanto pare, però, i cani son meglio delle persone.

O di alcune.

Immagine: https://www.flickr.com/photos/vitomanzari/1223221696

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *