brain-2062051_960_720

Psico-sette: una realtà sempre più frequente di schiavitù psicologica

Schiavitù psicologica, è questo lo status degli adepti all’interno delle cosiddette psico-sette.

Ma cosa sono queste psico-sette, in cosa consistono? Sono gruppi chiusi e fortemente autoritari, sono organizzate con l’obiettivo di stabilire, insieme al soggetto interessato, un percorso, un progetto per il miglioramento di Sé, incentrato per (ri)trovare l’anima dell’individuo in cura. Nonostante vengano generalmente connotate come un qualcosa di spirituale, non hanno nulla di religioso.

Santoni, maghi, sciamani, guru, leader, life-coach, guide spirituali, maestri intellettuali, e molti altri ancora, svolgono un “lavoro” meticoloso, selezionano le loro “vittime sacrificali” in base al vissuto, facendo credere loro di essere dei prescelti e che devono portare a termine la “missione” per cui sono stati designati. Lo scopo di questi finti leader, non è nemmeno lontanamente Continue reading “Psico-sette: una realtà sempre più frequente di schiavitù psicologica”

16711786_1804213619844055_1564075104142631436_n

Recensione del cortometraggio “Oltre (Beyond)”: riflessione e speranza!

C’è un carcere più lacerante, distruttivo e sofferente della prigionia fisica: è la depressione dell’animo, l’angoscia di vivere, il male che alberga in ognuno di noi e che a volte riesce a venir fuori.

“Oltre” è un cortometraggio, diretto da Ettore Di Gennaro e scritto da Paolo D’Alessandro, ambientato in un ex carcere della città di Parma.

Continue reading “Recensione del cortometraggio “Oltre (Beyond)”: riflessione e speranza!”

anima

Intervista ad Alessia Arati: “Anima” il suo secondo libro

Alessia Arati, nata nel 1977, attrice e fotomodella, è al suo secondo lavoro letterario. Dopo l’esordio con “Sola, ma pur sempre con te” del 2015, ha appena pubblicato il suo secondo libro dal titolo “Anima”.

Di seguito l’intervista.

  • Come è nata la tua carriera professionale?

L’origine affonda le radici già in età scolare, ho da sempre manifestato passione e un’indole affine alla scrittura, le maestre leggevano i miei temi alla classe ed è anche capitato che convocassero i miei genitori interrogandosi se qualcuno avesse potuto mettere mano ai miei scritti. Trovavano inverosimili certe descrizioni per una mente così giovane. Crescendo ho approfondito le capacità letterarie con studi in ambito classico e con la lettura. L’ispirazione al primo libro è stata la vita a fornirmela 7 anni fa con un evento tragico, è nato quel lungo abbraccio epistolare che ha preso il nome di “Sola ma pur sempre con te” sull’elaborazione del lutto e la vita oltre la vita. La vita non è stata una musa d’eccezione, attingo spesso da lei, le mie opere hanno un forte connotato autobiografico. Continue reading “Intervista ad Alessia Arati: “Anima” il suo secondo libro”