LaRuotadelleMeraviglie_PosterIta_FilmWoodyAllen2017

“La ruota delle meraviglie”: da giovedi 14 dicembre al cinema.

Woody Allen, nonostante i suoi 82 anni, non smette di stupirci con la sua “produttività”: anche quest’anno, puntuale come un orologio, avremo la possibilità di vedere un suo nuovo film.

La ruota delle meraviglie (titolo originale Wonder wheel) uscirà infatti nelle sale italiane oggi, giovedì 14 dicembre, pronto a emozionarci e a farci sognare, grazie anche alla fotografia di Vittorio Storaro, suo collaboratore per la seconda volta dopo Cafè Society.

Continue reading ““La ruota delle meraviglie”: da giovedi 14 dicembre al cinema.”

l'amante di harold pinter BIS v

COMUNICATO STAMPA. “L’amante” di Harold Pinter al Teatro Petrolini di Roma il 6 – 7 dicembre

La Nuova Comune

(ri) presenta:

L’AMANTE

di Harold Pinter

6 / 7 Dicembre, ore 20.30 –  Teatro Petrolini, via Rubattino 5, Roma

TRAMA Continue reading “COMUNICATO STAMPA. “L’amante” di Harold Pinter al Teatro Petrolini di Roma il 6 – 7 dicembre”

o-filme-da-minha-vida-paula-huven-4

Recensione del film “The Movie of My Life”: può una scomparsa essere manifestazione di amore?

“The Movie of My Life” di Selton Mello.

Cast: Johny Massaro, Vincent Cassel, Bruna Linzmeyer, Selton Mello, Ondina Clais, Bia Arantes.

Durata: 113′

Trama

Sud del Brasile, 1963. Figlio di un francese e di una brasiliana, Tony Terranova è un giovane con una profonda passione per il cinema e la poesia. Quando torna a Remanso dalla scuola, deve fare i conti con alcuni riti di passaggio: il primo amore e l’assenza di un padre che lo ha abbandonato. Ora è il momento di tirare le somme e diventare il protagonista della sua storia. Dal romanzo “A Distant Father” di Antonio Skàrmeta. Continue reading “Recensione del film “The Movie of My Life”: può una scomparsa essere manifestazione di amore?”

licht_barbara_albert_setfoto_67-c-christian-schulz_ngf_looks

“Mademoiselle Paradis”: un film con poca enfasi!

“Mademoiselle Paradis” di Barbara Albert.

Cast: Maria Dragus, Devid Striesow, Lukas Miko, Katja Kolm, Maresi Riegner.

Durata: 97’

Trama

Vienna 1777. Maria Theresia “Resi” Paradis, diciotto anni, è una pianista non vedente dotata di un talento straordinario. Resi ha perso la vista, letteralmente da un giorno all’altro, quando aveva solo tre anni. Dopo innumerevoli esperimenti medici falliti, i suoi iperprotettivi genitori si rivolgono, come ultima spiaggia, a un discusso “medico dei miracoli”: Franz Anton Mesmer, per cui la possibilità di curare con successo la ragazza potrebbe rappresentare una fonte di fama e ricchezza. Il trattamento di Mesmer sembra avere un successo quasi immediato. Peccato che Resi si renda conto che mentre la vista sembra tornarle, il suo talento musicale svanisce. Continue reading ““Mademoiselle Paradis”: un film con poca enfasi!”

hollywood-sign-1598473_960_720

Il silenzio è complice: l’incessante ipocrisia del mondo di Hollywood

A parte l’otto marzo, mai come in questi giorni sono stati fatti così tanti appelli alla solidarietà e all’unione femminile.

Infatti, dall’esplosione del caso Weinstein, l’intero ambiente cinematografico e politico si è mobilitato per condannare le azioni dell’ormai ex re Mida di Hollywood e supportare tutte le donne che si sono fatte avanti per denunciarlo. Tra queste personalità due sono ben note al pubblico internazionale e sono da tempo considerate icone del femminismo moderno: Meryl Streep e Hillary Clinton. Entrambe sono state in qualche modo legate al produttore cinematografico americano (la prima, sua grande amica, ha partecipato a numerosi film prodotti dalla sua casa di produzione mentre la seconda, insieme al partito democratico, ha potuto contare sulle sue generose donazioni durante la campagna elettorale dello scorso anno) e hanno condannato fermamente il suo comportamento. “Non sapevo che avesse avuto incontri nella sua camera d’albergo, nel suo bagno, o compiuto azioni inappropriate o violenze. Il suo comportamento è inescusabile” ha dichiarato la Streep, dicendosi sconvolta e disgustata dall’accaduto. Affermazioni simili anche da parte dell’ex candidata democratica: “Il comportamento descritto da queste donne non può essere tollerato. Il loro coraggio e il loro sostegno degli altri è fondamentale nell’aiutare a fermare questo genere di comportamento”. Entrambe, infine, lodano le donne che hanno avuto il coraggio di denunciare Weinstein e invitano ad un’azione coesa contro il sessismo e il misoginismo imperante nella società odierna.

Continue reading “Il silenzio è complice: l’incessante ipocrisia del mondo di Hollywood”

442px-Harvey_Weinstein_2010_Time_100_Shankbone

#quellavoltache dalla violenza ci rialzammo: il caso Weinstein

Lo scoppio del caso Weinstein ha sollevato un vero e proprio polverone mondiale in tema di abusi e violenze sulle donne. Si sono susseguite decine di denunce contro il produttore, tra cui quella di Asia Argento che ha reso l’Italia protagonista della bufera mediatica. Il belpaese come si sarà espresso? Ha fatto sentire il suo appoggio incondizionato o ha preso le distanze dalla denuncia dell’attrice? Come ormai ben sappiamo di appoggio incondizionato non si può, purtroppo aggiungerei, parlare. Da subito sono stati twittati post molti duri nei confronti dell’Argento.  Come ammesso dalla stessa Asia in un’intervista a La Stampa “solo nel mio Paese sono stata insultata”.  Ciò che emerge da questa presa di posizione italiana (mi sento di puntualizzare non unanime), è la poca consapevolezza di cosa sia da giudicare violenza e cosa invece “fatto con consenso”.

Nei mesi passati sono stati molti i casi, riportati dalla stampa e dai telegiornali nazionali, di stupri e violenze ai danni di donne. Non ultimi il caso della turista polacca, vittima di una brutale violenza in una spiaggia della riviera romagnola, e il caso delle due studentesse americane che hanno denunciato la violenza subita da una di loro dal carabiniere fiorentino. Intanto è da precisare il reale significato di stupro, violenza e abuso. Continue reading “#quellavoltache dalla violenza ci rialzammo: il caso Weinstein”