Salvatore_Riina

Totò Riina: la fine di un’era!

Il giorno dopo del suo ottantasettesimo compleanno, il 17 novembre 2017, Salvatore – detto Totò – Riina, è morto alle 3.37 all’ospedale Maggiore di Parma, dopo essere entrato in coma farmacologico in seguito a complicazioni di salute.

Il suo percorso fatto di sangue, stragi e lotta allo Stato, ha avuto inizio con l’incontro con il boss Luciano Liggio e con il giovane Bernardo Provenzano, mettendo in pratica la cosiddetta “prima guerra tra famiglie” per il potere di Corleone. La “triade”, con lo scopo di conquistare il vertice delle famiglie mafiose, decide di uccidere il capomafia locale, Michele Navarra, prende il suo posto e inizia una vera e propria escalation della città: sterminio dei clan mafiosi rivali, i primi sequestri di persona, i processi finti con le assoluzioni a Bari e Palermo e l’entrata nel mondo borghese.

La svolta per “ù curtu” – com’era chiamato per la sua bassa statura – inizia proprio con la frequentazione dei salotti buoni della città Continue reading “Totò Riina: la fine di un’era!”

gay-631970_960_720

Nozze gay per la prima volta nel carcere di Rebibbia. Adriana e Camilla potranno condividere la loro intimità.

Nella società postmoderna non è ancora del tutto chiaro il mistero della sessualità o, per i più romantici, dell’Amore che, senza alcun dubbio, può assumere le vesti dell’eterosessualità, dell’omosessualità o della bisessualità.

Nel caso dell’omosessualità e bisessualità, negare o demonizzare l’una o l’altra forma significa non aver compreso la complessità del genere umano e la sfera delle pulsioni, delle passioni o dei sentimenti.

Sin dall’antichità –in Grecia e a Roma – il sesso o l’Amore non era relegato alla sola eterosessualità. E, nei secoli successivi, la psicoanalisi – da Freud a Jung – si è soffermata sul ruolo della sessualità nella formazione cosciente dell’Io dell’individuo. La storia e determinati eventi, oserei dire vergognosi per l’umanità, raccontano della paura e delle discriminazioni subite da coloro che, più Continue reading “Nozze gay per la prima volta nel carcere di Rebibbia. Adriana e Camilla potranno condividere la loro intimità.”

P31_L.É._Eithne_Operations_28_June_2015

Il presidio dei migranti di Santi Apostoli a Roma. Resta irrisolta l’emergenza abitativa nella Capitale. I migranti ribadiscono il “no” a soluzioni temporanee.

CHIESA DI SANTI APOSTOLI A ROMA. Mi colpisce la bellezza del centro storico di Roma, mentre passeggio tra i vicoli, a pochi passi da Fontana di Trevi gremita di turisti, verso Piazza Santi Apostoli. La bellezza di Roma si scontra però con il degrado urbano e il disagio sociale. Protagonisti la Sindaca di Roma Virginia Raggi e i migranti di Santi Apostoli, che da quasi tre mesi presidiano con le tende l’ingresso dell’omonima Chiesa. Sotto i portici dimorano i rifugiati politici – per lo più afghani, siriani e somali – sgomberati da Cinecittà la scorsa estate, dopo lo sgombero di via Curtatone.

Dal 24 agosto, l’amministrazione capitolina non è ancora riuscita a risolvere la emergenza abitativa. E il presidio di Piazza Santi Apostoli è l’emblema e il risultato sia degli sgomberi effettuati che, soprattutto, dell’inefficienza della Giunta di Roma. Ad oggi, dunque, resta irrisolta la questione dell’assegnazione e gestione degli alloggi popolari, richiesti a gran voce dagli ex occupanti. Il presidio di Santi Apostoli è composto di uomini, donne e bambini che, privi di un alloggio, attendono una risposta concreta. È un Continue reading “Il presidio dei migranti di Santi Apostoli a Roma. Resta irrisolta l’emergenza abitativa nella Capitale. I migranti ribadiscono il “no” a soluzioni temporanee.”

Palmiro_Togliatti

Quella volta che a Togliatti dovettero regalare un cappotto nuovo

Leggenda narra che a Palmiro Togliatti, indimenticato leader del Pci, gli uomini del suo partito avessero dovuto regalare un cappotto nuovo, dato che il loro capo girava sempre con lo stesso, stinto e ormai consunto.

Sono lontani anni luce quei tempi rispetto alle notizie quotidiane, a cui siamo assuefatti, del politico di turno, destra sinistra centro, nord sud ovest, regione, governo o provincia, che rubacchia come può di qua e di là.

Ancora più lontani i tempi in cui Pericle scriveva nel suo discorso sulla democrazia ateniese: “Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così. Le leggi qui assicurano una giustizia Continue reading “Quella volta che a Togliatti dovettero regalare un cappotto nuovo”