Immagine_Frank_Lu_Siqing

Agli albori della dissidenza attraverso Internet, la libertà e il potere: il caso di Frank Lu Siqing

“Se non parlo, allora nessuno dirà nulla, continuerò, non mi fermerò”. (Frank Lu Siqing)

Dissidenza: come fare impazzire un governo duro come quello che ha bagnato di sangue piazza Tienanmen?

Un solo uomo, uno dei pochi, se non l’unico, almeno nel 1999, componente del Centro d’informazione sui diritti civili, un tale Frank Lu Siqing, ci è riuscito, armato soltanto di un telefono e di un computer. Continue reading “Agli albori della dissidenza attraverso Internet, la libertà e il potere: il caso di Frank Lu Siqing”

binary-797274_960_720

Mondo digital: opportunità o distruzione?

In un mondo sempre più digitalizzato c’è da chiedersi se l’infinita rivoluzione tecnologica sia davvero così conveniente come si crede.

Poco tempo fa l’esperto di cybersicurezza Bruce Schneier ha dichiarato che “nel 21esimo secolo per essere pienamente funzionanti le persone devono possedere carte di credito, portare cellulari, avere indirizzi e-mail e account di social media”.

Come dargli torto?

Tuttavia, l’essere costantemente connessi comporta che siamo sottoposti a una forma di sorveglianza di massa che mette a rischio Continue reading “Mondo digital: opportunità o distruzione?”

the post

“The Post”: da giovedi 1 febbraio al cinema

The Post, il nuovo film di Steven Spielberg in uscita giovedì 1 febbraio, descrive le vicende di due giornalisti coraggiosi e testardi: Katharine Graham e Ben Bradlee.

Nel 1971 Daniel Ellsberg, economista e uomo del Pentagono, decide di divulgare una parte dei documenti segreti che descrivono l’implicazione militare e politica degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Il testo porta a galla quanto insabbiato dai quattro Presidenti in carica tra gli anni Quaranta e Sessanta, e per questo motivo il governo è disposto ad ogni tipo di battaglia pur di far tacere i giornalisti.

Continue reading ““The Post”: da giovedi 1 febbraio al cinema”

La lanterna magica di Molotov

“La lanterna magica di Molotov” di Rachel Polonsky

Con La lanterna magica di Molotov, Rachel Polonsky ha viaggiato attraverso i luoghi della Russia che hanno ispirato i pensieri e le penne di tanti personaggi più o meno famosi, e che attraverso il suo studio tornano a vivere in un dialogo tra le loro epoche e quella presente.

Il lettore resta interdetto di fronte al titolo del libro: come può accordarsi una lanterna magica, evocazione di mondi fiabeschi e avventure, a un nome così ancorato alla Storia – alla sua parte più buia – come quello di Molotov? Eppure lo spunto del viaggio che ha dato origine al libro è proprio nella connessione tra questi due elementi.

Continue reading ““La lanterna magica di Molotov” di Rachel Polonsky”

Anna_Akhmatova_1913-1914_by_Savely_Sorin

Anna Achmatova – La voce della Russia

«Io sono la vostra voce», recita un verso di Anna Achmatova, poetessa che ha rappresentato l’epoca staliniana della Russia più di chiunque altro, sia attraverso le sue poesie, sia con la sua esperienza di vita.

Oggi, tra gli appassionati di letteratura russa, e più in generale tra gli amanti della poesia, è impossibile non conoscere il nome di Anna Achmatova, perché i suoi versi sono significativi degli «anni carnivori» che ha vissuto e condiviso con tutta la popolazione russa, ma più ancora perché è la testimonianza vivente di come l’arte della parola sia quella in cui i russi hanno prodotto i migliori risultati.

Eppure, la voce di questa poetessa per molti anni è stata silenziata da un regime repressivo che le ha fatto scontare la sua voglia di libertà intellettuale. In questo modo l’Achmatova è diventata una rappresentante anche di tutta l’intellettualità russa che è rimasta schiacciata dalla macchina politica di Stalin, e, essendone sopravvissuta, ha potuto più di chiunque altro raccontare quello che quegli anni hanno significato per i poeti e per il popolo tutto.

Continue reading “Anna Achmatova – La voce della Russia”

aggression-656795_960_720

The violence in full immersion. Cos’è la violenza e perche continua ad essere

Violenza oggi. Cominciamo dalla “strada”.

Per parlare di violenza, tout court, comincerò dalla “strada”, come palcoscenico delle scene della nostra ordinaria follia quotidiana…

… Perché la Strada non è un luogo muto, ma di relazione, è la misura della permanenza di un tessuto umano nella comunità. Continue reading “The violence in full immersion. Cos’è la violenza e perche continua ad essere”