Cover Reveal - quello giusto per me - Madison

Cover reveal del romanzo “Quello giusto per me” di Natasha Madison

Oggi Different Magazine partecipa al cover reveal del libro “Quello giusto per me” di Natasha Madison, svelando in anteprima la cover del romanzo che sarà pubblicato il 22 settembre. L’opera è edita dalla Casa Editrice Digitale Quixote Edizioni.

Di seguito la trama. Continue reading “Cover reveal del romanzo “Quello giusto per me” di Natasha Madison”

foto Giacomo Festi

Intervista a Giacomo Festi: “Un giorno di ordinario narcisismo” il suo nuovo libro

Giacomo Festi, classe 1990, è un giovane scrittore che ha pubblicato da poco il suo nuovo romanzo “Un giorno di ordinario narcisismo”. Ho avuto il piacere di leggerlo e di porgli delle domande relativamente al libro e alla sua visione del mondo.

  • Buonasera Giacomo. Innanzitutto voglio dirti che mai titolo è stato più consono al libro.

Ciao Miriam, e grazie per l’ospitata su queste pagine virtuali. Grazie mille!  Diciamo che è la stessa cosa che ho pensato io con Uomini che odiano le donne.

GIF 300x250
  • Il protagonista è atipico, giacché non suscita molta benevolenza nel lettore, probabilmente per il suo modo di giudicare sempre gli altri e mai sé stesso. È quello che volevi emergesse o è una mia personale sensazione?

Continue reading “Intervista a Giacomo Festi: “Un giorno di ordinario narcisismo” il suo nuovo libro”

CopertinaIlvaSartiniSito

Segnalazione “Al posto del dolore”, romanzo di Ilva Sartini

Lettori oggi segnaliamo l’uscita del libro “Al posto del dolore” di Ilva Sartini.

Edito da Affinità Elettive Edizioni, in questo libro l’autrice racconta il dolore e la miseria negli anni della Seconda guerra mondiale a Pennabilli e dintorni, terra in cui l’autrice ha trascorso l’infanzia e la giovinezza.

banner 300 x 250

Di seguito il comunicato stampa ricevuto in redazione:

“Nel romanzo si intrecciano le vicende di due donne appartenenti a due epoche diverse. La prima è Angela, una giovanissima contadina nata negli anni ’30 del secolo scorso che, dopo essere stata colpita in piena testa da una mucca, viene ricoverata in un’orribile stanza del San Benedetto, l’Ospedale Psichiatrico di Pesaro.
E poi Elisabetta, laureata a pieni voti in urbanistica in una prestigiosa università che, come tanti giovani italiani di oggi, alla soglia dei trent’anni è ancora in cerca di una sua stabilità. Frequenta master e corsi di specializzazione, fa stage e partecipa a concorsi, nella speranza di un contratto che si possa definire serio. Così, quando ormai valuta persino di trasferirsi all’estero, trova casualmente nel sito del Comune una novità che la stimola molto: un concorso d’idee per riqualificare la struttura pericolante del manicomio. Non può sapere che si tratta dello stesso luogo in cui fu ricoverata Angela oltre mezzo secolo prima. Continue reading “Segnalazione “Al posto del dolore”, romanzo di Ilva Sartini”

WochitFedererTwitter_896-kNzD--896x504@Gazzetta-Web

Federer come esperienza religiosa.

Fragole e panna, Thelma e Louise, caffè e sigaretta, Ranieri di Monaco e Grace Kelly. Alcune cose sono semplicemente fatte per stare insieme. Così è anche per Roger Federer e il torneo di Wimbledon.

Il Divino Roger è nato per essere vestito di bianco e calpestare con grazia l’erba verde di Wimbledon, alzando e sommessamente baciando il trofeo più importante del tennis. Quasi quasi l’unica cosa che stona è che non abbia una racchetta in legno tra le mani, ma una più prosaica ultraleggera e studiata per lui in laboratorio.

banner 300 x 250

Continue reading “Federer come esperienza religiosa.”

Hodasevich_Berberova

“Il corsivo è mio” – La biografia di Nina Berberova

Nina Berberova, autrice di poesie e di romanzi, ha narrato la sua interessante sebbene difficile vita nella sua autobiografia.

Fra le tre possibilità: vivere per la vita futura, vivere per le generazioni future e vivere per il momento presente, io ho scelto molto presto la terza, la “crudele immanenza”, per dirla con Herzen. È una di quelle decisioni che sono arrivate al momento giusto. In molte cose, ma assolutamente non in tutte, ho avuto uno sviluppo precoce, però ho imparato a pensare relativamente tardi, e troppo spesso sono rimasta indietro, perdendo tempo prezioso: quella base unica di vita, quel suo ordito che non si può né comperare, né scambiare, né rubare, né contraffare, né interpretare.

Continue reading ““Il corsivo è mio” – La biografia di Nina Berberova”