P31_L.É._Eithne_Operations_28_June_2015

Il presidio dei migranti di Santi Apostoli a Roma. Resta irrisolta l’emergenza abitativa nella Capitale. I migranti ribadiscono il “no” a soluzioni temporanee.

CHIESA DI SANTI APOSTOLI A ROMA. Mi colpisce la bellezza del centro storico di Roma, mentre passeggio tra i vicoli, a pochi passi da Fontana di Trevi gremita di turisti, verso Piazza Santi Apostoli. La bellezza di Roma si scontra però con il degrado urbano e il disagio sociale. Protagonisti la Sindaca di Roma Virginia Raggi e i migranti di Santi Apostoli, che da quasi tre mesi presidiano con le tende l’ingresso dell’omonima Chiesa. Sotto i portici dimorano i rifugiati politici – per lo più afghani, siriani e somali – sgomberati da Cinecittà la scorsa estate, dopo lo sgombero di via Curtatone.

Dal 24 agosto, l’amministrazione capitolina non è ancora riuscita a risolvere la emergenza abitativa. E il presidio di Piazza Santi Apostoli è l’emblema e il risultato sia degli sgomberi effettuati che, soprattutto, dell’inefficienza della Giunta di Roma. Ad oggi, dunque, resta irrisolta la questione dell’assegnazione e gestione degli alloggi popolari, richiesti a gran voce dagli ex occupanti. Il presidio di Santi Apostoli è composto di uomini, donne e bambini che, privi di un alloggio, attendono una risposta concreta. È un Continue reading “Il presidio dei migranti di Santi Apostoli a Roma. Resta irrisolta l’emergenza abitativa nella Capitale. I migranti ribadiscono il “no” a soluzioni temporanee.”

V

Brucia il Vesuvio! La procura apre un’inchiesta per incendio doloso.

Il Vesuvio arde come mai successo prima d’ora, è il più grande incendio mai visto. La rabbia e la frustrazione dei napoletani cresce di volta in volta. L’aria è irrespirabile.

Vesuvio avvolto da due chilometri di fiamme. Sono state già evacuate case e ristoranti.

Il fumo si vede da ogni parte del Golfo, anche dalla provincia di Caserta viene avvistata la nube di fumo che circonda in queste ore il Vesuvio.

I focolai molto probabilmente sono di origine dolosa, come tutti gli altri incendi appiccati in Campania in questi giorni. I comuni coinvolti sono di Boscotrecase, Trecase, Ercolano, Terzigno, Ottaviano, Torre Annunziata. Due i principali incendi: a Ercolano e il secondo a Ottaviano.

I soccorsi si stanno dando da fare, anche se, secondo alcuni testimoni, hanno agito tardi. Molti sono i volontari che aiutano i soccorsi e che vogliono difendere la propria terra.

Continue reading “Brucia il Vesuvio! La procura apre un’inchiesta per incendio doloso.”

niceta-angelo-il-fatto-quotidiano

Solo e abbandonato dallo Stato: che ne sarà di Angelo Niceta? (una storia poco conosciuta)

Il 1 giugno di quest’anno un uomo di 46 anni pubblica questo post sul suo profilo Facebook:
“Da questo momento comunico che io ho iniziato un digiuno totale che proseguirà ad oltranza. Il mio digiuno è la conseguenza dell’isolamento e dell’annientamento sociale ed economico voluto e creato scientemente da questo Stato colluso con la mafia, Stato che ha reso la mia vita e quella dei miei familiari impossibile, Stato opportunista e in malafede che finge di dimenticare quei cittadini che fanno il proprio dovere fino in fondo”.

Un mese dopo Angelo Niceta, sposato e padre di tre figli, è al 36esimo giorno di sciopero della fame e i medici che lo seguono esprimono da tempo preoccupazione per il suo stato di salute. Ma chi è quest’uomo, che esprime così tanta amarezza e sconforto nei confronti delle istituzioni?

Continue reading “Solo e abbandonato dallo Stato: che ne sarà di Angelo Niceta? (una storia poco conosciuta)”