450px-Oprah_Winfrey_at_2011_TCA

Oprah Winfrey: sarà lei la prossima candidata alla Casa Bianca?

Il discorso di Oprah Winfrey durante la notte dei Golden Globe non è passato inosservato. “La regina dei media”, è uno dei personaggi più influenti negli Stati Uniti, simbolo di riscatto ed emancipazione. Per molti potrebbe diventare la prima donna ad entrare alla Casa Bianca, non da first lady, ma da Presidente.

Durante la 75esima edizione dei Golden Globe, Oprah Winfrey non ha fatto un semplice discorso di un’attrice che ritira il suo premio. Il suo è stato un vero e proprio appello politico, rivolto non solo ai presenti in sala, ma all’intera nazione. Quasi dieci minuti per dimostrare la sua solidarietà nei confronti delle vittime degli abusi sessuali e appoggiare il movimento “Time’s Up”, ringraziando tutte coloro che hanno portato avanti l’iniziativa #metoo; inoltre, ha difeso i più deboli, che hanno difficoltà nei posti di lavoro; ha parlato della diversità dei generi e dei problemi degli afroamericani. Insomma, un vero e proprio manifesto politico nella sala del Continue reading “Oprah Winfrey: sarà lei la prossima candidata alla Casa Bianca?”

Screenshot_20171219-004017_1

Antonello Venditti: invertire la frase di una canzone che reazioni può suscitare?

È di ieri la notizia di alcune testate giornalistiche (il Giornale.it, rockol, Il Messaggero, Roma Today) riguardante lo sbaglio del cantautore Antonello Venditti.

Venditti, infatti, durante la cena natalizia dei giocatori della Roma e della società calcistica ha invertito le parole dell’inno “Roma, Roma, Roma” e invece di pronunciare “Gialla come er sole, Rossa come er core mio”, ha cantato “Rossa come er sole, Gialla come er core mio”.

Lo sbaglio è stato ripreso anche da Max Giusti, autore del video circolante in rete, il quale ha commentato con un amico a fianco: “Non la sa neanche lui, la sappiamo meglio io e te”. In seguito, il presentatore ha precisato: “Se non fosse abbastanza evidente, ieri nel video della canzone, come si dice a Roma stavamo ca**eggiando, ci stavamo divertendo e questo dev’essere lo spirito di una serata come quella. Discutere Antonello Venditti? Ragazzi, non ci pensate proprio…Antonello è il numero uno: ciao, resta sempre così Antoné!”. Continue reading “Antonello Venditti: invertire la frase di una canzone che reazioni può suscitare?”

smiley-152913_960_720

La barzelletta nella barzelletta: la denuncia dei carabinieri di Sestri Levante

Dopo decenni di corruzione, mafie, spaccio di droga, furti, omicidi e crimini di vario genere, finalmente in Italia il bene ha trionfato. Forze dell’ordine alla ricerca disperata di qualcosa da fare e di qualcuno con cui prendersela.

Questo non è un articolo ma è una barzelletta.

Anzi, è qualcosa di più: una barzelletta nella barzelletta. Però l’oggetto della satira non ha nulla di nuovo. Anzi, è il più vecchio del Mondo: i carabinieri.

Continue reading “La barzelletta nella barzelletta: la denuncia dei carabinieri di Sestri Levante”

Coez.jpeg

Coez: dai social ai palazzetti.

“Io non lo so che sta succedendo ma, che l’dea piaccia o no, oggi mi siedo al tavolo dei grandi”. Così Silvano Albanese, in arte Coez, scriveva qualche settimana fa sul suo profilo Facebook.

Ce ne ha messo di tempo, ma dopo anni di gavetta, dopo anni a montare e smontare palchi dei grandi eventi, come quello del Concerto del Primo Maggio a Roma, sognando di poterci salire da protagonista, finalmente il 34enne partenopeo di nascita, ma romano di adozione, si sta prendendo la sua rivincita.

Continue reading “Coez: dai social ai palazzetti.”

Instagram-normal

L’ Insta-mafia dietro la popolarità di alcuni influencer?

La fotografa Sara Melotti ha denunciato gli strumenti, eticamente poco corretti, usati dalle star di Instagram, su cui i brand puntano per arrivare ai consumatori.

Secondo una recente indagine della Royal Society for Public Health, Instagram è il social network peggiore per la salute mentale dei ragazzi.

La piattaforma pur concedendo (apparentemente) ampia libertà di espressione, origina, in realtà, ansia, depressione e soprattutto la cosiddetta “fear of out missing”, ovvero la paura di essere tagliati fuori.
Partendo da questa consapevolezza, Sara Melotti, classe 1988, fotografa italiana di viaggi e influencer, ha denunciato sul proprio blog un sistema marcio e corrotto, del quale lei stessa ha fatto parte fino a poco tempo fa.
Senza una fissa dimora e perennemente in viaggio, Sara si trova attualmente in Cambogia e di recente ha lasciato un’intervista sul sito Young – Slow Journalism, poi ripresa da The Post Internazionale.
Fin da bambina sognava di fare la ballerina, ma a causa di alcuni problemi fisici ha dovuto abbandonare il suo sogno nel cassetto, dedicandosi, così, alla fotografia e mostrando fin da subito un grande talento. Dopo mesi di gavetta, Sara si trasferisce a Londra, dove viene apprezzata da diverse agenzie di moda, per poi volare a New York.
Continue reading “L’ Insta-mafia dietro la popolarità di alcuni influencer?”

Paolo-Vallesi

Sulle Ali del Pensiero: Paolo Vallesi, la forza della musica e delle parole

Oggi sulle “Ali del Pensiero” vola a Firenze, capitale del rinascimento e patria altresì di una scuola musicale leggera, laboratorio di artisti, alcuni dei quali purtroppo dimenticati dai media. Oggi parliamo di Paolo Vallesi, nato nel capoluogo fiorentino nel 1964, compositore e paroliere, cantante che ha toccato con delicatezza la sfera interiore e la condizione dei più svantaggiati all’interno dei suoi brani, presentandoci anche la faccia, l’animo, la passione dei vinti.

Negli anni ’90 il cantante del capoluogo toscano ha riscosso grande successo non solo in Italia, ma anche in America Latina e in Spagna, tanto che i suoi brani sono stati tradotti in spagnolo e portoghese. Un successo figlio dello studio e dell’applicazione: il pianoforte è per lui materia di vita ed esperimento fin dall’età di 9 anni.

Continue reading “Sulle Ali del Pensiero: Paolo Vallesi, la forza della musica e delle parole”