ATAC (azienda per i trasporti romani) nel mirino delle accuse. Più assenze e meno servizi?

È di alcuni giorni fa la notizia pubblicata sulle principali testate giornalistiche italiane riguardanti la difficile situazione del trasporto pubblico nella città di Roma.

Notizia che come ci si aspettava ha del negativo e del paradossale: nel primo trimestre del 2017, da gennaio a marzo, ogni giorno 1.400 dipendenti dell’ATAC non si sono presentati al lavoro, di cui 750 autisti di bus o conducenti della metropolitana. Tra questi ultimi, in 380 non sono andati a lavorare causa malattia.

Dati questi riportati dal Messaggero e contenuti nel rapporto aziendale sul contratto di servizio Campidoglio – Atac.

Dal dossier emerge soprattutto la crescita esponenziale di certificati medici: il 20% in più rispetto allo scorso anno.

Nello specifico il tasso di assenza nei primi tre mesi è stato dell’12,12% (al netto delle ferie) con un aumento rispetto al 2016 del 9,2%.

Il 6,21% dei dipendenti risulta essere assente per malattia, lo 0,54% per maternità, il 2,44% per effetto della Legge 104, il 2,44% per congedo parentale e lo 0,9% per altri motivi.

Il confronto si fa più serrato osservando come nello spesso periodo l’azienda di trasporto pubblico milanese ATM composta da 9.588 dipendenti, rispetto agli 11.600 di Atac (tra dirigenti, operai, macchinisti, addetti ai servizi ausiliari, addetti ai servizi di supporto e autisti), abbia registrato il 4% in meno di assenze dal lavoro.

Il Messaggero successivamente in un articolo pubblicato il 4 giugno, dal titolo “Meno bus, metro e spazzini: sui servizi lo spettro dei tagli” ha evidenziato come vi siano state delle perdite riguardanti il servizio sulle linee della metropolitana fra il 2015 e il 2016 e fra il 2016 e il 2017.

ATAC ha riposto alle accuse con un comunicato pubblicato sul suo sito, che cito:

“In relazione all’articolo pubblicato oggi a pagina 3 della cronaca romana del Messaggero dal titolo “Meno bus, metro e spazzini: sui servizi lo spettro dei tagli”, che riporta di perdite di servizio sulle linee della metropolitana fra il 2016 e il 2015 e fra il 2017 e il 2016, Atac precisa che le notizie riportate sono false. Al contrario di quanto scritto, il servizio è aumentato sia nel 2016 rispetto al 2015, sia nei primi quattro mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016. In particolare, nel 2016 sulle linee metropolitane sono state effettuate 452.257 corse rispetto alle 413.605 del 2015, pari ad un incremento di servizio del 9,3%. Nel 2017, fra gennaio-aprile, nelle linee metropolitane la produzione chilometrica è stata pari a 2.840.211 km, superiore al dato riferito allo stesso periodo del 2016, quando i km sono stati 2.643.810, con un aumento di produzione del 7,4%.”

Dove sta la verità? Sicuramente osservando il drammatico e quasi inesistente trasporto pubblico della città di Roma c’è da riflettere. Ai posteri l’ardua sentenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.