[BLOG TOUR] “Città sospesa” di Eduardo Mendoza: l’amore per l’arte quanto influenza una vita?

Città sospesa

di Eduardo Mendoza (Autore),

Francesca Pe’ (Traduttore)

Sinossi

Uno storico dell’arte sulle tracce di un capolavoro perduto del Siglo de Oro nella Madrid violenta ed esplosiva della metà degli anni Trenta.

Nella primavera del 1936, il critico d’arte inglese Anthony Whitelands arriva in treno nella convulsa Madrid sull’orlo della Guerra civile. Lo scopo del viaggio è verificare l’autenticità di un presunto Velázquez appartenente a un amico di José Antonio Primo de Rivera, figlio del generale già dittatore di Spagna. Un’opera il cui immenso valore potrebbe influenzare gli scenari politici in un momento tanto drammatico per il paese. Ma distratto da problemi personali e dai turbolenti incontri amorosi con donne di diversa estrazione sociale, Whitelands non fa troppo caso ai nemici – poliziotti, politici, diplomatici, spie – che sempre più numerosi gli si affollano intorno. Le tragedie della Storia e l’insostenibile leggerezza della commedia umana si mescolano in questo romanzo pessimista e ironico, ambizioso e godibilissimo sulla nascita del fascismo, il potere dell’arte, l’amore e l’avventura. Vincitore del prestigioso Premio Planeta 2010 e per la prima volta tradotto in Italia, Città sospesa seduce il lettore attraverso le straordinarie doti narrative di un protagonista della letteratura spagnola.

Recensione

Un romanzo in cui la Storia è la grande protagonista. Ambientato, infatti, nella Spagna degli anni ’30 è contestualizzato ad un’epoca in cui figure come Hitler e Mussolini stavano emergendo con preponderanza, influenzando i Paesi circostanti.

È una Spagna di fermenti e di rivolte sotterranee che tendono ad emergere dal silenzio per dare voce agli ideali.

Anthony Whitelands, protagonista del romanzo, è un inglese che ama Madrid, città in cui si reca spesso. Ciò che differenzia quest’ultimo viaggio è il compito per cui egli giunge nella città: chiamato a valutare dei quadri per una furtiva vendita all’estero troverà un tesoro immaginabile, che lo condurrà a mettere a repentaglio la sua stessa vita. Velázquez, infatti, è un pittore che lo sconvolge, lo “sconvolge a tal punto che a ogni visita non si sofferma mai più di un quadro.”

Anthony non è, tuttavia, il solito esperto d’arte in quanto anche le donne riescono ad influenzarlo, ed è proprio l’incontro con Paquita, giovane affascinante e misteriosa, a sconvolgergli la vita e i piani. Sarà Paquita ad addentrarlo nel partito fascista della Falange e a condurlo ad ulteriori problemi.

I personaggi che attraversano le pagine del romanzo non sono mai del tutto chiari, a tratti bizzarri, conducono il lettore ad una serie di interrogativi sulla loro vera natura e su come la vicenda avrà la sua risoluzione.

Nel libro molto apprezzabili sono le delucidazioni sulle singole opere d’arte che conducono anche un lettore ostico all’argomento ad apprezzare le descrizioni e ad immergersi nell’arte.

Prodotto fornito da DeA Planeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *