Couture Engineering: l’evoluzione del progetto Herno Laminar

Herno ha una prospettiva tutta nuova per l’autunno/inverno 2019 che prende il nome di Couture Engineering. Herno è una casa di moda che produce capispalla da intere generazioni. L’azienda diede vita agli impermeabili, i capisaldi delle prime produzioni e negli anni ‘60 si dedicò ai primi cappotti in cashmere e prodotti double-face. Di lì la produzione iniziò a comprendere anche giacche, tailleur ed il marchio divenne ben presto famoso in tutto il mondo. Il motto dell’azienda è da sempre “bello e benfatto”, proprio per il modo di porgere particolar attenzione alla qualità dei materiali utilizzati e alle tecniche di lavorazione, che comprendono segreti sartoriali tramandati da generazione in generazione. Per l’autunno/inverno 2019 Herno presenta un nuovo progetto: nato per rielaborare quello dal nome Herno Laminar dello scorso anno, con cui la casa di moda proponeva capi in GORE-TEX® PACLITE SHELL 2Layers. La linea comprendeva capi dalla prestazione tecnica adatti ad un uso quotidiano e metropolitano, come i piumini Herno antivento ed antitraspiranti grazie alla membrana interna in gore-tex. Era già in atto nel 2018/19 il progetto di ingegneria sartoriale, che oggi sembra essere pronto a tutti gli effetti. Sulla scia di della linea Herno Laminar, che come abbiamo visto proponeva già capi altamente tecnici ma dalla lavorazione sartoriale, ora prende piede il Couture Engineering. Questa tecnologia viene applicata ai capi streetwear urbani, dove anche le performance tecniche richiedono un lavoro di ricerca e sperimentazione. In questo progetto fuoriesce la voglia di Herno di voler mischiare i tessuti più classici abbinati ad una lavorazione che prevede trattamenti speciali per dar vita a capi all’avanguardia.

Quello che dovremo aspettarci dalla nuova collezione Herno Laminar Couture Engineering saranno capi come giubbini, cappotti, trench e bomber sia da uomo che da donna in tantissimi tessuti, modelli e nuance.

Dalla lana bouclè, al neoprene e jacquard fino alle fantasie più classiche come il check, lo spigato, il pied-de-poule per arrivare al nylon. Tutto questo e molto altro ancora si uniscono alle speciali lavorazione e tecniche sperimentali, date dalla ricerca in campo sartoriale come le membrane 2Layer e 3Layer in contrasto che si uniscono a trattamenti resistenti all’acqua, antipioggia ed antivento che li rendono impermeabili con tenuta fino a 7000 colonne d’acqua. Le zip in poliuretano creano contrasti lucidi ed opachi che disegnano linee nette, i cappucci di design sono interamente in gore-tex quindi ripiegabili e removibili. Gli interni mantengono il calore grazie alle termonastrature che custodiscono le cuciture più tradizionali migliorandone la tenuta, tra l’altro il comfort e la vestibilità sono aspetti assicurati. A quanto pare i clienti più esigenti avranno pane per i loro denti con questa linea che è un vero e proprio mix di tailoring ed innovazione.

 

Fonte: https://www.vogue.it/moda/article/giubbotti-imbottiti-2019-piumini-herno-laminar-couture-engineering

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.