Domani h 19.30 inaugurazione mostra di Daisy Zuo “Bologna a testa in su” | Museo Davia Bargellini | BOOM! Crescere nei libri e Bologna Children’s Book Fair 2019

Istituzione Bologna Musei | Museo Davia Bargellini

Daisy Zuo
Bologna a testa in su

Progetto di Bologna Città Creativa della Musica UNESCO nell’ambito del network delle Città Creative UNESCO
Promosso da Comune di Bologna, Istituzione Bologna Musei, Associazione Collegio di Cina, Bologna Children’s Book Fair

A cura di Hamelin associazione culturale

2 aprile – 5 maggio 2019
Inaugurazione martedì 2 aprile 2019 h 19.30

Un libro d’artista per raccontare Bologna attraverso gli occhi di una illustratrice cinese, una mostra e due incontri in occasione di Bologna Children’s Book Fair 2019. Sono gli esiti della residenza artistica di due settimane che Zouchao Zuo – illustratrice trentaquattrenne originaria di Hangzhou conosciuta come Daisy Zuo – ha svolto presso la Residenza per Artisti Sandra Natali dell’Istituzione Bologna Musei nell’autunno dello scorso anno, in seguito alla selezione nell’ambito della call “Uno sguardo su Bologna” rivolta agli artisti di tutte le città cinesi del network UNESCO.
Durante il suo soggiorno, Daisy Zuo ha disegnato alcuni luoghi, noti o sconosciuti, ha scelto scorci e vedute iconiche, ha osservato la città nel suo vitale fluire quotidiano. L’esperienza del suo sguardo è diventata un albo d’artista in bianco e nero di piccolo formato, Bologna a testa in su, che ha lo scopo di raccontare la città ai moltissimi turisti cinesi che ogni anno decidono di venire a visitarla.
Le illustrazioni originali appositamente realizzate per la pubblicazione, gli schizzi e gli appunti si possono scoprire nelle sale del Museo Davia Bargellini in una mostra dal titolo omonimo, visitabile dal 2 aprile al 5 maggio 2019 con ingresso gratuito.

Bologna per Daisy Zuo è un luogo in cui la realtà si confonde con una dimensione surreale e misteriosa. Un’anima fluida che si ritrova anche nel tratto dell’artista, capace di realizzare immagini descrittive che fotografano alcuni degli scorci della città (il Teatro Comunale, i portici, la città vista dall’alto) e universi surreali popolati da marionette e ombre indefinibili.
Durante le sue esplorazioni l’illustratrice è stata colpita dal Museo Davia Bargellini e dalla sua collezione, una delle gemme di Bologna, che più volte ha raffigurato durante il suo soggiorno. Un luogo molto particolare all’interno dell’imponente palazzo che affaccia su Strada Maggiore, eretto tra il 1638 e il 1658, che ospita la Quadreria Davia Bargellini e una vasta raccolta di arti applicate. L’allestimento del museo, da cui l’artista è rimasta affascinata, vuole ricostruire lo spirito di un appartamento arredato del Settecento bolognese, con mobili e suppellettili di pregio e alcuni oggetti rari. La città e il museo si intrecciano in maniera visibile, e a volte invisibile, fra le pagine di questo Bologna a testa in su. E anche nella mostra le tavole dell’artista cinese dialogano con alcuni pezzi della collezione, diventando a loro volta strumento per far scoprire il museo al pubblico cinese, agli ospiti internazionali della Fiera e ai curiosi bolognesi. La mostra presenta in anteprima anche alcune pagine del calendario che l’artista ha realizzato sommando alcune impressioni di Bologna e del Museo Davia Bargellini come linea guida. A tutti i visitatori della mostra verrà offerta in omaggio il libretto, fino a esaurimento copie disponibili.

Daisy Zuo è stata selezionata tra i centinaia di illustratrici e illustratori che nel 2018 hanno partecipato al concorso indetto da Bologna Città della Musica UNESCO e Collegio di Cina. Il suo lavoro ha impressionato la una giuria composta da Roberto Grandi (presidente Istituzione Bologna Musei), Isabella Del Monte (referente Bologna Children’s Book Fair), Emilio Varrà e Ilaria Tontardini (Hamelin associazione culturale), Lorenzo Balbi (direttore artistico MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna) e Giorgia Boldrini (referente Bologna Città della Musica UNESCO), per l’uso di un segno originale e fortemente espressivo. La fluidità e la mobilità del suo stile sono perfetti per raccontare la vitalità e le diverse anime della città, anche in chiave di attrazione turistica per i visitatori internazionali.

Durante il periodo di apertura sono previste visite guidate gratuite, a cura di Ilaria Negretti di RTI Senza Titolo S.r.l., ASTER S.r.l. e Tecnoscienza, con il seguente calendario: sabato 6 aprile 2019 h 10.30; giovedì 18 aprile 2019 h 11.00; sabato 4 maggio 2019 h 16.30.

La mostra di Daisy Zuo è un progetto di Bologna Città Creativa della Musica UNESCO nell’ambito del network delle Città Creative UNESCO, a cura di Hamelin Associazione Culturale, promosso da Comune di Bologna, Istituzione Bologna Musei, Collegio di Cina, Bologna Children’s Book Fair.
Rientra inoltre in BOOM! Crescere nei libri, il programma di eventi promosso da Comune di Bologna e Bologna Fiere che raccoglie le attività che animano la città durante Bologna Children’s Book Fair 2019 e che da quest’anno si inserisce nel nuovo Patto per la Lettura di Bologna.

BIOGRAFIA

Daisy Zuo, nata nel 1984, è originaria di Hanhzhou, città che fa parte del network delle Città Creative UNESCO per l’artigianato e l’arte popolare. Nel 2017 è tra gli artisti selezionati per il Nami Island International Picture Book Illustration Concours nella categoria “Purple Island”, un concorso dedicato a giovani illustratori organizzato e promosso dalla Corea del Sud. Ha partecipato alla “Mostra Illustratori 2018” di Bologna Children’s Book Fair.
daisyzuo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.