Il dono di un fiore come espressione di amore.

Riusciamo a immaginare che cosa sarebbe l’umanità se non avesse conosciuto i fiori?
(Maurice Maeterlinck)

L’emergenza sanitaria che il mondo sta vivendo ci ha costretti a fare a meno degli abbracci, dei baci e delle carezze ma non dell’affetto.

L’amore, in questi giorni di distanziamento e isolamento, è l’elemento vitale che consente di rendere le giornate più leggere e dotate di senso. Esprimere questo amore è divenuto sempre più importante e non solo attraverso le parole o gli scritti ma anche grazie ai gesti.

Regalare un fiore può essere espressione di affetto, soprattutto in vista di ricorrenze da festeggiare, anche se distanti.

Sono molte le possibilità che si hanno a disposizione nel variegato universo del web e sicuramente la scelta si compie valutando differenti requisiti, tra cui, ad esempio, il costo di un mazzo di fiori.

Tra i tanti siti che si occupano della vendita di fiori troviamo Floraqueen Italia.

In Floraqueen la vendita inizia nel 2004 nella sede di Barcellona e successivamente l’attività si estende in oltre 100 Paesi del mondo, tra cui l’Italia.

Ciò che contraddistingue Floraqueen è la possibilità di ricevere o spedire dei fiori freschi, grazie alla loro modalità di lavoro, che si caratterizza in due iter differenti: il confezionamento del bouquet da parte dei fioristi interni all’azienda o, al contrario, da parte di quelli locali, dislocati in tutto il mondo. Ciò consente di rispondere con immediatezza a qualsiasi ordine.

Non solo bouquet, tuttavia, ma Floraqueen consente di aggiungere accanto al dono floreale una sorpresa extra, quale può essere, ad esempio, un biglietto con un augurio speciale, una scatola di cioccolatini o una bottiglia di champagne. Ciò permette di rendere il dono personalizzabile e di far comprendere a chi lo riceve il sentimento e l’affetto che proviamo nei suoi confronti.

Sopraggiunge, ad esempio, ora la Festa della Mamma e molti figli non possono averla accanto a causa della distanza, quale dono è più gradito, quindi, di un fiore?

Rose, gerbere, gigli: ogni fiore dal soave profumo e dall’aspetto delicato è in grado di suscitare emozioni irripetibili.

E bastava la letizia di un fiore a riportarci alla ragione. (Alda Merini)

Ad ogni fiore è associata un’emozione e un significato, come simbologia di un segreto svelato.

La rosa, ad esempio, fiore per eccellenza, cambia di senso in base al colore. Da secoli è simbolo di amore, bellezza e delicatezza. È sicuramente un fiore da donare a chi si ama.

Anche le gerbere cambiano il significato in base al loro colore e possono esprimere gioia, successo, ammirazione o anche timidezza. Mentre il giglio, da sempre, simboleggia la purezza.

Tuttavia, indipendentemente, dalla simbologia di cui ogni fiore si fa custode, il valore del dono è dato dal significato che noi diamo ad esso: amore, affetto o vicinanza.

Nell’attesa che il mondo possa rischiararsi e che gli abbracci possano divenire nuovamente “vita” donare un fiore può essere simulacro di quell’attesa. L’amore, indipendentemente dalle distanze, è in grado di rendere il mondo un posto migliore, in cui il miracolo di un sorriso può emergere anche nei momenti più dolorosi.

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.