IL GIARDINO DELLE MUSE DANZANTI_ Rassegna di incontri e presentazione di libri organizzata da AIRDanza dal 21 febbraio alla Casina delle Civette – Villa Torlonia

In occasione della proroga fino al 22 marzo 2020 della Mostra

Il Giardino delle meraviglie. Opere dell’artista Garth Speight

a proseguimento delle conferenze già ospitate

AIRDanza (Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza)

 Organizza

Il giardino delle muse danzanti 

Rassegna di incontri e presentazioni di libri

in collaborazione con l’Associazione culturale Athena Parthenos

Casina delle Civette, Villa Torlonia

Via Nomentana 70, Villa Torlonia, Roma

La rassegna avrà luogo nei giorni di  venerdì, sabato e domenica

dal 21 febbraio al 22 marzo 2020

dalle ore 16.30 alle ore 18.00

L’incontro di domenica 1° marzo è anticipato alle ore 16.00.

Venerdì 28 febbraio e venerdì 6, 13 e 20 marzo, dalle ore 16.00 alle ore 16.30,

 Visita guidata del Museo della Casina delle Civette e della mostra in corso

a cura della dott.ssa Flavia Cecconi

Nei giorni 21 febbraio e 22 marzo, a inizio e chiusura della manifestazione,

verrà offerto un piccolo rinfresco gentilmente fornito da

Forno Lucarelli ed Enoteca Pallotti

In occasione della proroga fino al 22 marzo 2020 della Mostra “Il Giardino delle meraviglie. Opere dell’artista Garth Speight”,  e a proseguimento delle conferenze già ospitate, AIRDanza (Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza) organizza  “Il giardino delle muse danzanti”, una rassegna di incontri e presentazioni di libri in collaborazione con l’Associazione culturale Athena Parthenos, presso la Casina delle Civette, a Villa Torlonia. La rassegna avrà luogo nei giorni di  venerdì, sabato e domenica, dal 21 febbraio al 22 marzo 2020, dalle ore 16.30 alle ore 18.00.
Questa serie di incontri interdisciplinari tenuti da studiosi, storici e performer, immaginata da AIRDanza, intende avvicinare il pubblico alla danza. Attraverso proiezioni guidate, interventi performativi dal vivo e pubblicazioni recenti, gli incontri si concentrano sull’analisi della coreografia (repertori di balletto, danza moderna e contemporanea), della performance (danza di ricerca, sperimentazioni site specific), delle danze popolari (italiane, europee ed extraeuropee) e della storia della danza. Dagli anni Ottanta del Novecento ad oggi gli studi in danza hanno sviluppato metodologie transdisciplinari per mettere in luce le interconnessioni della danza con la storia culturale più in generale, cercando di uscire da un settarismo che non rende giustizia all’importanza di quest’arte nelle società ed epoche diverse. Analizzando immagini, estratti video e testi, lo specialista che guida questo percorso ‘immersivo’ nelle pratiche e nelle scritture sulla danza potrà suggerire chiavi di lettura per l’interpretazione di un’arte plurale e multiforme, a volte di difficile accesso. Il pubblico sarà chiamato a interagire verbalmente, scrivendo o muovendosi per costruire un nuovo rapporto sinergico con la storia della danza e con la sua attualità.
Si inizia venerdì 21 febbraio con presentazione del libro di Alberto Testa, Mauro Di Rosa, “La Pavana della memoria. Storie, racconti, ricordi di una vita a passo di danza”, Amazon Kindle Direct Publishing, [s.l.] 2019. Interviene Cesare Nissirio alla presenza di Mauro Di Rosa. Il volume narra la vita del M° Alberto Testa, una delle più autorevoli voci della storiografia e della critica di danza italiana. La curatela di Mauro Di Rosa e la viva voce del M° Testa rendono conto di una vita dedicata alla danza come ballerino e coreografo, critico, organizzatore e insegnante di Storia della danza.
A seguire, sabato 22 febbraio, la studiosa di danza Patrizia Veroli terrà una conferenza dal titolo: La danza come patrimonio culturale UNESCO. Memoria, archivio e il caso di Giselle.
L’intervento vuole riflettere sullo statuto effimero della danza. Dopo una piccola storia di come questo concetto è stato vissuto nel primo e secondo Novecento, si giungerà, sulla scorta delle riflessioni di F.Pouillade e A. Pakes, a ragionare sulla ontologia della danza e sulle sue specificità di memoria e archivio prendendo in considerazione il caso di Giselle e le sue ricostruzioni.
Domenica 23 febbraio, spazio invece alla conferenza-dimostrazione di Alessandra Sini,
Osservare, percepire, conoscere, agire: pratiche di trasmissione coreografica, con Antonella Sini (danza) e Stefano Montinaro (suono). La lecture-demonstration presenta una riflessione incorporata sui processi della creazione in danza a partire dalla percezione sensibile del movimento e delle modalità discorsive utilizzate in questo contesto. Il farsi della scrittura coreografica, sospesa fra materia e immaginario, è messa in luce grazie alla parola, al corpo e al suono per rendere percepibile il fare.

Conferenze gratuite previo pagamento del biglietto di ingresso al Museo secondo tariffazione
vigente
Ingresso gratuito per i possessori della MIC card , acquistabile nei musei e online
all’indirizzo https://museiincomuneroma.vivaticket.it/ita/event/mic-card/138749

La MIC card permette di presentarsi direttamente al controllo accessi del museo senza passare nella
biglietteria sita all’interno del Casino Nobile
Musei di Villa Torlonia- Casina delle Civette
Via Nomentana 70, Roma
Orari di apertura: martedì- domenica ore 9.00-19.00
Info 060608 – www.museivillatorlonia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.