“Il vizio della speranza” di Edoardo De Angelis: “vince chi resiste all’inverno”

ATTILIO DE RAZZA e PIERPAOLO VERGA

Presentano

IL VIZIO DELLA SPERANZA

un film di

EDOARDO DE ANGELIS

con

PINA TURCO,

MASSIMILIANO ROSSI, MARINA CONFALONE,

CRISTINA DONADIO e con MARCELLO ROMOLO

 

CAST TECNICO

REGIA EDOARDO DE ANGELIS

SOGGETTO

SCENEGGIATURA

EDOARDO DE ANGELIS

UMBERTO CONTARELLO

EDOARDO DE ANGELIS

DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA FERRAN PAREDES RUBIO

MONTAGGIO CHIARA GRIZIOTTI

MUSICHE ORIGINALI ENZO AVITABILE

SCENOGRAFIA CARMINE GUARINO

COSTUMI MASSIMO CANTINI PARRINI

SUONO IN PRESA DIRETTA VINCENZO URSELLI

AIUTO REGIA GIUSEPPE EUSEPI

CASTING COSTANZA BOCCARDI

PRODUTTORE ESECUTIVO LINDA VIANELLO

PRODOTTO DA ATTILIO DE RAZZA

PIERPAOLO VERGA

EDOARDO DE ANGELIS

UNA PRODUZIONE TRAMP LIMITED

O’ GROOVE

in collaborazione con

MEDUSA FILM

DISTRIBUZIONE

VENDITE INTERNAZIONALI

DURATA

MEDUSA FILM

TRUE COLOURS

90’

 

CAST ARTISTICO

MARIA PINA TURCO

PENGUE MASSIMILIANO ROSSI

ZI’MARI MARINA CONFALONE

ALBA CRISTINA DONADIO

FATIMAH ODETTE GOMIS

BLESSING JULIET ESEY JOSEPH

RAMONA MARIANGELA ROBUSTELLI

NATALIA JANE BOBKOVA

HOPE YVONNE ZIDIOUEMBA

DOTTORE MARCELLO ROMOLO

TINA DEMI LICATA

VIRGIN NANCY COLARUSSO

MARCOLINA IMMA MAURIELLO

SINOSSI

Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto.

Un’esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. E’ proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni.

“A me non mi uccide nessuno”

Recensione

“Perché anche la speranza è un vizio che nessuno riesce mai a togliersi completamente.” Giorgio Scerbanenco

La speranza, questa la protagonista del film, nelle veci di Maria (PINA TURCO), giovane donna dagli occhi tristi.

Un film, quello di De Angelis, contraddistinto dalla miseria, quella nera, bruciante, fatta di vite sbagliate, di destini avversi e di ricordi sofferenti.

Maria, come una moderna Caronte, traghetta povere donne, per farle partorire in modo che i bambini nati vengano dati in adozione a famiglie disposte a pagare. Donne, le partorienti, che non possono o non vogliono tenere il nascituro e che vogliono regalargli una vita, forse, migliore. Zi’ Mari (MARINA CONFALONE), è colei che vive di questo traffico, ma è anche simulacro di pensieri e titubanze: osteggia la libertà ma la fa attuare.

Maria, che non può e non deve rimanere incinta a causa di una violenza subita nel giorno della sua prima comunione, attende un bambino e ciò che lo spettatore vedrà è la risoluzione di questa gravidanza: deciderà di tenerlo e rischierà la vita oppure abortirà?

È proprio in questo momento che nasce la speranza, la speranza che induce ad un atto di coraggio, la speranza dalle ali nere come pece che emerge, nonostante tutto. Emerge come le onde di quel mare che lambisce la casa di Maria e della popolazione che vive sulle sue sponde. Un mare che diviene rifugio e accadimento di vite ai margini.

La speranza esiste, vive negli anfratti, nelle stanze umide, nei muri scrostati, negli occhi che cercano un domani e forse lo trovano in altri occhi, quelli di Carlo Pengue (MASSIMILIANO ROSSI), occhi buoni di un ex giostraio in lotta con un’esistenza negata. La speranza si palesa negli occhi di chi inizia a credere che il timore si supera, è come“la paura quando sai che è passata”.

Le musiche di Enzo Avitabile meritano una menzione speciale: rendono l’opera eternamente poetica, la bruttura diviene bellezza e la malinconia e il rimorso struggente speranza.

“E’ una iastìma sta parola amore”

 

“In questo film vince chi resiste all’inverno, vince chi ha la pazienza di aspettare che qualcosa cambi e quando qualcosa cambia riesce, come nel caso di Maria, ad agire.” EDOARDO DE ANGELIS

“Riuscire a scrivere, a girare e a realizzare un film fortemente lirico in qualcosa che di per sé non è solo opposizione ma è nemico della lirica” UMBERTO CONTARELLO

“Mi è sembrato lampante come l’andamento della storia assomigli, non volendolo, ad una parabola. Questa parabola, come tutte le parabole, ha un cuore antichissimo, quasi arcaico.” UMBERTO CONTARELLO

“Anche nell’orrore di Alba c’è un monito ed un incantamento” CRISTINA DONADIO

“Questo personaggio è un uomo buono, è lo specchio più piccolo della protagonista. Sono due personaggi che è come se aspettassero che qualcosa succede”. MASSIMILIANO ROSSI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *