“Morte di Stato”: un libro in cui la fantasia è più reale di ciò che si pensa!

Titolo: Morte di Stato

Autore: Ruben Trasatti

Amazon: Morte di Stato

Sinossi

Roma, 2030. Nicola Balestrieri è un impiegato dell’Agenzia per il Controllo del Cittadino Europeo, ente nato a seguito della creazione di uno Stato Unito d’Europa per mettere in pratica le sue nuove leggi. Il turnover generazionale è favorito dalla “morte statale”, un processo obbligatorio che pensiona in anticipo i lavoratori costringendoli a morire una volta compiuti 70 anni. Chi non rispetta il patto viene considerato un emarginato e ricercato per essere ucciso. La Nuova Europa è anche lotta contro lo straniero: le frontiere chiuse si spostano in mare per bloccare i migranti e i musulmani europei rischiano di ripercorrere il destino degli ebrei della Seconda Guerra Mondiale. Col passare del tempo, Nicola si rende conto di essere dalla parte sbagliata della storia: costretto ad accompagnare alla morte suo padre e a vivere i primi rastrellamenti, deve decidere se difendere i diritti dei cittadini o essere un servitore dello Stato.

Biografia

Ruben Trasatti è nato nel 1992 ad Ascoli Piceno. Da tre anni collabora per il settimanale milanese Telesette occupandosi di programmazione televisiva. È un grande appassionato di videogiochi e per molto tempo ha fatto parte della redazione del sito MondoXbox. Per Epic Games ha gestito la community italiana di Gears of War e ha contribuito come Graphic Designer e Concept Artist per il remake di Unreal Tournament.

Un libro che mi ha inquietato dal suo inizio: dovrebbe essere fantapolitico ma ho percepito la storia come verosimile e probabile.

La vicenda è ambientata in una Roma del futuro. Un futuro però non troppo distante dal presente reale che ci troviamo a vivere quotidianamente.

Il titolo del romanzo “Morte di Stato” è il principio per definire l’intera vicenda: a 70 anni lo Stato comanda di morire!

“Fate capire loro che ciò che stanno per compiere è per il bene della generazione futura. I figli dei loro figli potranno entrare a lavorare prima grazie al turnover favorito dalle uscite anticipate obbligate. Metteranno fine al malcontento, ai suicidi per disoccupazione e alla povertà”.

Cose c’è di più atroce e abominevole di uno Stato che ti intima di morire ad un’età predefinita?

Nicola, il protagonista del libro, è un funzionario statale e come tale adempie al compito di condurre gli anziani alla morte, tra cui a quella del padre.

I funzionari subiscono un vero e proprio “lavaggio del cervello”, divenendo, alcuni, totalmente insensibili.

“Fate capire loro che morendo a 70 anni faranno risparmiare allo Stato milioni di euro in pensioni, costi sulla sanità pubblica, agevolazioni precedentemente riservate agli anziani. La generazione futura potrà godere di molti più benefici e verranno sbloccate risorse fondamentali prima concesse a una fascia d’età improduttiva per il Paese. Cresceremo liberandoci di un fardello insostenibile, daremo una svolta radicale alla popolazione, non solo italiana ma anche europea.”

Nicola, tuttavia, è un uomo diverso e nella storia subisce il cambiamento da uomo inerme a combattente; cerca di mutare la società dall’interno, non per sé ma soprattutto per la donna amata, la figlia e il mondo esterno.

Nel libro il lettore, ad un certo momento, smette di leggere i suoi capitoli consapevole della finzione della storia e diviene empatico con il protagonista e la vicenda; quest’ultima crea disagio in quanto si è coscienti di come l’uomo, nella realtà, abbia fatto atrocità simili.

Lo scrittore descrive in maniera dettagliata il susseguirsi degli avvenimenti passati che hanno condotto a questa realtà distorta e disumana. La legge sulla Morte di Stato, infatti, è entrata in vigore dal maggio 2024, stabilendo che: a 60 anni si va in pensione, tranne per chi esercita la libera professione che può rimanere in attività fino a 65 anni e a 70 anni si muore. Chi si rifiuta di fare ciò diviene una “talpa”, costretto a vivere tra metropolitana e fogne per evitare di essere catturato. Ciò che provoca ancora più ribrezzo è la mancanza di giustizia ed ordine: una talpa, quindi un emarginato, può essere ucciso dalla folla senza che quest’ultima rischi qualsiasi tipo di condanna.

La vita in questa Italia, inoltre, non è drammatica solo per chi compie i famigerati 70 anni bensì anche per chi si ammala gravemente in quanto non riceve assistenza sanitaria e, al contrario, deve sottostare ad una morte statale anticipata e per gli immigrati che vengono considerati al pari delle bestie e come tali deportati: la morte spesso è la loro fine.

In alcuni punti ho rivisto riferimenti a gruppi politici attuali: il Movimento dei Lavoratori si avvicina al Movimento Cinque Stelle? Emergono le idee politiche dello scrittore e questo potrebbe essere fonte di disagio per chi non le condivide e crede di leggere una storia di fantasia.

Credo, tuttavia, che il libro sia ben strutturato, dettagliato e con profonda cura ai termini utilizzati. La storia coinvolge, intriga ed emoziona.

“Se non esistesse nessuna nazione?

Niente per cui uccidere o morire?

Solo la gente che vive in pace.”

 

Qui un booktrailer: https://www.facebook.com/EuropaSeriesITA/videos/1989356711302160/

1 thought on ““Morte di Stato”: un libro in cui la fantasia è più reale di ciò che si pensa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.