[REVIEW PARTY] “Found. È più facile dirlo con un bacio” di Tania Paxia

Found. È più facile dirlo con un bacio

di Tania Paxia

Liar Liar Series
Frankie si trova al punto di partenza: in quella città che fino a due anni prima era stata casa sua, ma che ora non lo è più. Oltre a una casa, però, sta perdendo anche l’altra metà della sua infanzia trascorsa fra legno, truciolato, colla e vernici. La Reeves Guitars rischia di finire nelle mani della concorrenza e lei è pronta a dar battaglia, seppure sia costretta a fronteggiare qualche imprevisto di troppo.
Jayden, per dirne uno. Si trova a New York, alle prese con il “silenzio”, con un’agente sempre più impertinente e col suo nuovo ruolo di produttore dell’album di Cora O’Dell: una compagnia che si rivela essere meno spiacevole del previsto. Anche grazie all’intervento di un altro chitarrista che sembra attirare l’attenzione della cantante ancor più di Jay. Saranno sufficienti due occhi color cielo a distogliere da lui anche l’attenzione dei paparazzi? 
Non tutto è come sembra, questo ormai Frankie lo sa per esperienza. Ma dopo aver letto l’articolo intitolato “Frankie Goes to Nashville” non può non fare il suo ritorno a New York per verificare di persona alcuni pettegolezzi, non per gelosia ma per apprensione nei confronti della salute del suo sopravvalutato preferito. Non è l’unica salute alla quale è interessata, però. C’è una chitarra da salvare. E forse, quella stessa chitarra, potrebbe essere in grado di salvare a sua volta la RG. 
Dopo il primo round, il secondo round, il ko tecnico. Dopo una battaglia vinta… la resa dei conti è finalmente arrivata.   

Tania Paxia

Vive in provincia di Livorno. Frequenta la facoltà di Giurisprudenza di Pisa, ma la sua grande passione è scrivere. La Newton Compton ha pubblicato Le strane logiche dell’amore, un grande successo sul web, Ti amo ma non lo sai, Ti amo già da un po’, Prima che arrivassi tu e, in ebook, la Liar Liar Series.

 

Recensione

È giunto finalmente l’attesissimo finale della serie “Liar Liar Series”. Un libro, quest’ultimo, ben riuscito e probabilmente il migliore dell’intera saga, forse perché finalmente ogni “nodo” giunge al pettine e il lettore conosce l’intera storia.

Troviamo una Frankie cresciuta, diversa e disposta ad affrontare la verità e il suo passato, a dialogare con la madre e a cercare di salvare l’azienda di famiglia. È una Frankie matura, consapevole delle sue fragilità e della sua forza, del rapporto con Jay e delle ripercussioni mediatiche.

Jay, costretto a far riposare la sua voce, si dedica alla scrittura e all’attività di produttore per Cora O’Dell, esuberante e provocante star, i cui testi sono altamente provocatori e allusivi. Il vecchio Jay di sicuro avrebbe approfittato della vicinanza con Cora e della sua disponibilità ma il Jay, innamorato di Frankie, cosa farà? Soprattutto se la sua amata si trova a Nashville, lontano dagli occhi?

I due protagonisti affronteranno problematiche diverse ma ciò che li condurrà ad una risoluzione sarà la loro fede, nel loro amore, negli affetti e nei ricordi. Quanto un ricordo, simulacro di una chitarra incompiuta, può scuotere le sorti di un’azienda e di un cuore?

“Ogni chitarrista deve avere la chitarra che merita. Il contatto del legno e delle corde con l’anima è fondamentale.”

 

Romanzo fornito da Newton Compton Editori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi