Serie A: de Ligt, Ribery, Lozano e Lukaku, le nuove stelle del calcio italiano

L’attesa è, finalmente, terminata: riparte la Serie A, il massimo campionato calcistico che terrà incollati ai teleschermi milioni di appassionati italiani. Tornano i weekend all’insegna del pallone, da vivere, per i più fortunati, direttamente allo stadio oppure comodamente seduti sul proprio divano di casa, gustandosi le gesta dei campioni che calcheranno i venti terreni di gioco della massima serie. Ai nastri di partenza, la grande favorita è, ovviamente, la Juventus, che punterà a vincere il nono scudetto consecutivo con la stuzzicante novità di Maurizio Sarri in panchina. Grande attesa, però, è riposta anche in quattro facce nuove della Serie A, che arrivano con la nomea di veri e propri big del calcio internazionale: de Ligt, Ribery, Lukaku e Lozano.

Roccioso, grande personalità e ottima tecnica: de Ligt blinda la difesa bianconera

L’olandese Matthis de Ligt sbarca in Serie A con la nomea di “miglior prospetto difensivo internazionale“, definizione che si è ampiamente guadagnato per quanto messo in mostra con la prestigiosa maglia dell’Ajax, di cui è diventato capitano poco più che maggiorenne. Un difensore solido, roccioso, puntuale e preciso nelle chiusure, nonché in grado di impostare l’azione da dietro con eleganza e precisione, una sorta di vero e propria regista aggiunto nella linea difensiva.

In una sola parola, lo si può definire una “sicurezza”, la stessa di cui possono disporre gli appassionati dei migliori casino online legalmente riconosciuti, in grado di divertirsi in modo sano e consapevole senza incorrere nel rischio di subire frodi o furto dei propri dati personali. Per accaparrarsi il tulipano olandese, un leader anche della Nazionale Oranje, la Juventus ha dovuto sborsare ben 75 milioni ed inserire nel contratto una clausola rescissoria di 150, decisamente accessibile ai più ricchi clubs mondiali qualora Matthis confermasse in bianconero quanto di buono mostrato coi Lancieri.

Un “mostro” di tecnica e tenacia: Firenze abbraccia la genialità di Ribery

Un altro nome altisonante che, nonostante la veneranda età di 36 anni, debutterà nella nostra Serie A, è Franck Ribery, calciatore di chiara fama internazionale, nuovo acquisto della Fiorentina di Vincenzo Montella. Il francese non ha bisogno di grandi presentazioni, il suo palmerès dice tutto: vice-campione mondiale nel 2006 con la Francia, nei dodici anni in cui ha vestito la maglia del Bayern ha portato a casa la bellezza di 9 Bundesliga e 6 DFB Pokal (Coppa di Germania), oltre ad essersi laureato Campione d’Europa e del Mondo per club nel 2013. Ed è proprio in quell’anno, alla soglia dei trent’anni e nel pieno della maturità calcistica, che Franck avrebbe probabilmente meritato di portare a casa il riconoscimento più prestigioso, quello al quale ogni calciatore punta a livello individuale: il Pallone d’oro.

Muscoli, senso del goal e della squadra: c’è Lukaku alla guida dell’attacco nerazzurro

Grande attesa è riposta anche in Romelu Lukaku, attaccante belga sbarcato in Italia, sponda nerazzurra, direttamente dal Manchester United. Punta dal fisico massiccio, la sua principale peculiarità è quella di finalizzare il gioco della squadra, anche se non disdegna partecipare alla manovra corale offrendosi spesso come preziosa sponda per l’attaccante in appoggio o per gli inserimenti delle mezzali. Tutte caratteristiche che, di fatto, lo rendono ideale per il gioco di Antonio Conte, che non a caso l’avrebbe voluto alle proprie dipendenze, due stagioni fa, ai tempi del Chelsea, quando il belga, a sorpresa, all’ultimo minuto si accasò al Manchester United a causa del mancato accordo economico fra la squadra di Abramovich e l’Everton.

Talento da vendere e voglia di imporsi ai massimi livelli: Lozano è pronto ad incantare Napoli

Grandi aspettative vengono riposte anche in Hirving Lozano, guizzante esterno offensivo messicano in grado di giocare anche da seconda punta, sbarcato a Napoli dopo le ottime stagioni trascorse con la maglia del PSV Eindhoven. Le annate olandesi non hanno fatto altro che confermare quanto di buono aveva espresso nel Pachuca, col quale vinse una Liga MX (campionato messicano) e una CONCAF Champions League, la più importante manifestazione per club del centroamerica. Lozano è un nome noto agli appassionati di calcio internazionale ed ha già dimostrato il proprio valore sia in Champions che al Mondiale russo della scorsa estate: considerati gli attuali, folli, valori del calciomercato, i 42 milioni spesi dal Napoli potrebbero rivelarsi un vero e proprio affare per De Laurentiis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.