Curti_4

Intervista ad Alessandro Curti: “i miei romanzi possono incrementare la possibilità di riflessione”

“Alessandro Curti è un educatore, pedagogista e scrittore. Si è occupato del disagio minorile prima in comunità e attualmente in interventi educativi scolastici, domiciliari e aggregativi. Collabora inoltre con diversi progetti di formazione. Nel 2015 esce per C1V Edizioni il suo primo romanzo Padri Imperfetti, seguito nel 2016 da Mai più sole e nel 2017 da Sette note per dirlo, scritto a quattro mani con Cinzia Tocci. Siamo solo piatti spaiati (C1V, 2018) è il suo quarto romanzo.”

Di seguito l’intervista.

  • “Siamo solo piatti spaiati” è il suo nuovo romanzo. Può spiegare al lettore il soggetto del libro?

Il mio ultimo romanzo racconta la storia di Davide, un adolescente “normale” con una vita “normale” che per un avvenimento che potrebbe capitare a chiunque si ritrova catapultato in un mondo che nemmeno sapesse esistere fatto di ragazzi molti diversi da lui e adulti di cui non si fida. In questo nuovo contesto, lontano dalla sua famiglia d’origine, dovrà necessariamente guardare il mondo con occhi differenti da quelli che ha sempre usato e inizierà il suo percorso di crescita accompagnato da Andrea, un adulto che non conosce e di cui non si fida. Ma per il quale, anche se non riesce a capire subito il perché, nutre un rispetto che non ha mai provato prima.

Il viaggio che percorrerà in questo nuovo contesto, metafora del passaggio dall’adolescenze all’età adulta, sarà caratterizzato da molte emozioni che Davide imparerà ad affrontare e a gestire. Continue reading “Intervista ad Alessandro Curti: “i miei romanzi possono incrementare la possibilità di riflessione””

IMG-20180803-WA0010

Nuove Regole per Conciliare Lavoro e Famiglia: le donne divise tra figli e carriera

A settembre Consiglio, Parlamento e Commissione si riuniranno per approvare le proposte messe in campo dalla Commissione per l’Occupazione dello scorso 11 Luglio: le nuove regole potrebbero diventare realtà già nel 2019.

Che cosa chiedono gli eurodeputati? Nuovi standard minimi per quanto concerne i permessi dal lavoro per chi è genitore, introduzione di un congedo di paternità retribuito della durata di almeno dieci giorni destinato al padre, condizioni lavorative più flessibili per consentire alle donne madri di potersi inserire nel mercato del lavoro; l’intento è quello di contrastare le disuguaglianze di genere nel mercato del lavoro. I tassi di occupazione dimostrano come la cura dei figli e della casa gravi oltremisura sulle donne madri e che queste siano costrette il più delle volte a scegliere lavori part-time o nei casi più disperati molte sono costrette ad interrompere la carriera. Purtroppo nel nostro paese per le donne, ritornare a lavoro dopo la nascita di un figlio resta un miraggio: la conciliazione di carriera e cura della propria famiglia spesso non viaggiano di pari passo e in Italia le statistiche ci indicano come le alternative si dividano tra carriera e maternità. Per alcune invece la scelta non sembra essere poi così netta: ce Continue reading “Nuove Regole per Conciliare Lavoro e Famiglia: le donne divise tra figli e carriera”

Childfree

Childfree: le donne che scelgono di sterilizzarsi per non avere figli. Arrivato dall’America, ora il movimento si sta diffondendo in Italia. Non mancano le polemiche.

Dal movimento femminista degli anni 70′ molte cose sono cambiate per le donne, in Italia e nel mondo e, sebbene a persistere sia ancora quell’idea nient’affatto originale di ostacolare e discriminare i progressi della liberazione femminile (come non ricordare la recente campagna comunicativa del Ferility Day promossa dal Ministero della Salute) si è  giustamente riconosciuto che la donna non deve essere più soltanto moglie e madre e che anche lei ha diritto alla realizzazione personale ed all’affermazione sociale.

Che cosa significa essere Childfree? Il termine indica un modo piuttosto recente di vivere e pensare la femminilità: la decisione di non avere figli. Spesso chi non vuole avere figli è esposta in continuazione a congetture sui motivi: una donna che arrivata alla soglia dei trent’anni ama vivere ancora come Cyndi Luper in Girls Just Want To Have Fun, viene considerata da chi invece, i figli li ha, una forma di vita amorfa. Eppure le donne dovrebbero poter essere libere di rappresentare non solo e non più un ruolo biologico, si dovrebbe poter essere libere di dire senza ipocrisia che mettere al mondo dei figli è un impegno enorme e richiede sacrifici che non Continue reading “Childfree: le donne che scelgono di sterilizzarsi per non avere figli. Arrivato dall’America, ora il movimento si sta diffondendo in Italia. Non mancano le polemiche.”

kindergarten-2204239_1280

Asili di Torino: la protesta delle mamme lavoratrici

Il nuovo anno scolastico è ormai iniziato, è tornato il tempo per i bambini di tutta Italia di tornare a scuola e all’asilo. Tutto è avvenuto quasi come ogni anno, ma in realtà per alcuni genitori di Torino c’è stata una novità: rette scolastiche più salate.

A seguito dei tagli del comune al contributo economico dato alle materne paritarie, infatti, tali strutture hanno dovuto aumentare le rette per evitare la chiusura. Badate bene, non stiamo parlando di asili privati, ma di strutture che hanno avuto il compito di assorbire ben 5 mila bambini in esubero dagli asili municipali.

Lo scorso marzo si sono levate numerose voci di protesta contro la Giunta Appendino che aveva decretato un taglio del 25% della somma destinata a tali scuole. Molti hanno gridato alla discriminazione, dal momento che per i 5 mila bimbi delle paritarie sono stati preventivati 2 milioni e 250mila di spesa contro i 40 milioni destinati ai 7.900 iscritti delle comunali.

Continue reading “Asili di Torino: la protesta delle mamme lavoratrici”