news-624859_960_720

BuoneNews: “Pianeta Felice” n°47

Rieti: una meta affascinante per il  fine settimana, magari per i prossimi, potrebbe essere Rieti, cuore e centro dell’Italia in senso geografico, che pur mantenendo il basso profilo,  potrebbe essere galvanizzata da questa posizione di responsabilità territoriale. Facciamo un caso di scuola e comparazione; se la Toscana vanta la presenza di più prestigiose città d’arte variamente caratterizzate e spesso in competizione fra loro, nella regione del Lazio, Roma domina a tutti gli effetti per il suo passato e la sua magnificenza; ma ci sono dei luoghi dignitosissimi snobbati dal turismo di massa, e nella sfortuna, questo dovrebbe essere un bene, evitando barbarie e afflussi disordinati e talvolta villani . Nella centralissima Piazza san Rufo a Rieti esiste un monumento circolare denominato la caciotta, che segnerebbe l’Umbilicus Italiae. Forse per conoscere quello del mondo non risulterebbe una cattiva idea  curiosare fra Continue reading “BuoneNews: “Pianeta Felice” n°47”

Concorso Lerrario Città di Artena

[COMUNICATO] 3° Concorso Letterario di poesia e narrativa “Città di Artena”

Indetto dall’associazione FERAO, da quest’anno il concorso di poesia e narrativa breve è a tema libero e possono partecipare anche gli alunni delle scuole primarie e primarie di secondo grado.  Le iscrizioni entro il 30 Aprile.

Continue reading “[COMUNICATO] 3° Concorso Letterario di poesia e narrativa “Città di Artena””

bitcoin-225080_960_720

Bitcoin: e se fosse “l’esperanto” della moneta?

Parte da una domanda vagamente irrisoria la mia disamina sul fenomeno bitcoin, di cui sono piene le pagine di giornali, economici e non.

In comune con l’esperanto, lingua artificiale creata dal visionario tentativo di inventare un idioma che potesse accomunare tutti i popoli della terra, il bitcoin potrebbe avere in comune questo scopo di riconduzione ad unità: realizzare una valuta che sia valida per Continue reading “Bitcoin: e se fosse “l’esperanto” della moneta?”

wagon-781649_960_720

Irish Travellers: i nomadi d’Irlanda

Nel marzo del 2017 il governo della Repubblica d’Irlanda ha riconosciuto a una comunità 100% irlandese, ed esistente sull’isola dalla notte dei tempi, lo status di minoranza etnica. Lo scopo? Quello di dare un contributo alla sua accettazione e integrazione nella società.

Curioso no? Per integrare una comunità che per genetica, religione e lingua di fatto dovrebbe essere considerata proto-irlandese è necessario sancirne ufficialmente la diversità? Ebbene questa è la storia degli Irish Travellers, i nomadi d’Irlanda in via di sedentarizzazione e in lotta per l’integrazione e la conservazione della propria cultura.

CHI SONO I TRAVELLERS?

Ad ottobre di quest’anno l’Irish Times pubblicava un’inchiesta sul razzismo e la discriminazione in Irlanda, un paese che, lo ricordo, non ha partiti xenofobi o razzisti e ha un passato recente di emigrazione che forgia sia la memoria storica, che l’identità nazionale moderna. Dall’articolo del quotidiano emergeva che la comunità più discriminata in assoluto in Irlanda è senza dubbio quella dei Travellers.

I … chi? Continue reading “Irish Travellers: i nomadi d’Irlanda”

flag-2123796_960_720

Indipendentismo catalano: breve riassunto del passato, riflessioni sul presente.

La diversità culturale della Catalogna è indiscussa: dalla lingua alle tradizioni, dalla storia alla cultura politica, non c’è dubbio sulla peculiare identità di questa regione a nord-est della Spagna. Vero. Ma leggendo dei travolgenti eventi politici catalani che da ottobre 2017 dominano le prime pagine di tutta Europa, viene anche da pensare: a dirla tutta, il fatto che in Europa sopravviva una comunità culturale differente all’interno di uno stato nazionale è proprio una sorpresa? Non esattamente. L’ Europa è per definizione varietà, e le nazioni europee, appena le si passa al microscopio, rivelano spesso un mosaico di comunità linguistiche e culturali più o meno agguerrite contro il potere centrale. La misura della voglia d’indipendenza è normalmente una questione politica, con radici storiche (come tutte le questioni politiche).

LE ORIGINI

Le radici che hanno definitivamente incrinato il difficile rapporto tra Catalogna e Castiglia vengono tradizionalmente individuate in evento del lontano secolo XIII, in un’Europa ancora per lo più estranea all’idea di stato nazionale e culturale. La guerra è la Guerra di Successione Spagnola, e l’anno il 1714. La storia si riassume così: quando nel 1700 l’ultimo, cagionevole Asburgo di Spagna morì senza lasciare eredi, iniziò una guerra per la successione che coinvolse le maggiori potenze europee dell’epoca, e che vide i catalani Continue reading “Indipendentismo catalano: breve riassunto del passato, riflessioni sul presente.”