maxresdefault

“Loro 1” di Paolo Sorrentino e la nuova frontiera della satira politica

Dopo Il caimano, film del 2006 diretto da Nanni Moretti, arriva nelle sale Loro 1, altra pellicola dedicata alla figura più controversa degli oltre ultimi 20 anni di storia italiana. Stiamo parlando ovviamente di Silvio Berlusconi.

Il personaggio non ha bisogno di presentazioni. Nato a Milano nel 1936, è probabilmente l’imprenditore più noto nella cultura di massa della penisola grazie alla fondazione del gruppo Fininvest nel 1975 e della rete televisiva Mediaset nel 1993. Dal 1986 al 2017 è proprietario del Milan. Ma soprattutto, il Cavaliere è divenuto personaggio notorio grazie alla discesa in politica nel 1994, cui è seguita la formazione di ben quattro Governi da lui presieduti, l’ultimo dei quali caduto nel 2011. Sposato e divorziato due volte, ha cinque figli. Continue reading ““Loro 1” di Paolo Sorrentino e la nuova frontiera della satira politica”

800px-Logo_The_Shape_of_Water_blau.svg

“The Shape of Water”: è tra i diversi che si supera il non senso della parola “diversità”

“The Shape of Water”, dodici candidature agli Oscar, Leone d’oro al Festival di Venezia, arriva nelle trasparenze, nei turbamenti, nelle contraddittorietà degli animi umani, negli spazi in cui la superficie non è solida ma evanescente. L’acqua è irrefrenabile e travolgente. È il luogo in cui le barriere non tengono e gli argini rinnegano la logica della separazione.

“The Shape of Water” è un inno alla continuità che si fonda su un’essenza comune: l’appartenenza alla vita. Qualcosa che va oltre l’umanità stessa, in un’ottica secondo cui l’umanità non è condizione fisiologica bensì conquista, come emerge dalle parole o meglio dai gesti della protagonista Elisa “se vogliamo esserlo (uomini) comportiamoci da tali”. Ed è proprio Elisa, “una diversa”, a superare i limiti o piuttosto i pregiudizi della diversità. Una muta che riesce ad impostare, meglio di chiunque altro, il “dialogo” con “il mostro”. Ma non è un caso che sia lei a farlo. Si tratta, infatti, di una comunicazione non costruita sulle parole e, per quanto possa sembrare paradossale, è proprio in questo che risulta vincente. La parola è luogo di apertura all’altro da sé ma anche luogo dell’ambiguità e dell’incomprensione

Continue reading ““The Shape of Water”: è tra i diversi che si supera il non senso della parola “diversità””

14375317064_ee7dbc4be1_b

Oscar 2018: in una Hollywood colorata, trionfa “The Shape of Water”

In una Hollywood che torna a portare sul red carpet i colori sgargianti degli abiti, trionfa Guillermo Del Toro, ma la standing ovation se la prende Frances McDormand con un discorso d’inclusione. Il regista messicano vince l’Oscar 2018 come miglior regia e come miglior film per “The Shape of Water”. Ai 90esimi Premi Oscar, l’Italia non rimane a bocca asciutta, infatti, il film di Luca Guadagnino, “Chiamami col tuo nome”, vince il Premio alla miglior sceneggiatura non originale.

Al Dolby Theatre di Los Angeles, alle 2:00, ora italiana, si è svolta la 90a edizione degli Academy Awards. Fin dai primi minuti del red carpet, è risaltato il non total black degli abiti. Attori e attrici infatti, hanno indossato abiti colorati, in controtendenza con i Golden Globes e i Bafta, che avevano visto il nero come unico colore indossato dalle star hollywoodiane per protestare contro le violenze sessuali. Sembrerebbe che il movimento Time’s Up abbia dato il consenso di indossare il vestito che preferivano, ma il Continue reading “Oscar 2018: in una Hollywood colorata, trionfa “The Shape of Water””

oscar-2103653_960_720

Premi Oscar: tutto quello che non sapete sulla notte più attesa di Hollywood

L’attesa per i 90esimi Premi Oscar 2018 sta per terminare. La notte tra il 4 e 5 marzo, gli appassionati di cinema di tutto il mondo, seguiranno la cerimonia al Dolby Theatre di Los Angeles e sapranno tutti i vincitori della statuetta più ambita di Hollywood. 

Dal 1929 a oggi, vincere un Oscar è il sogno per tutti coloro che lavorano nel mondo del cinema, dagli attori ai truccatori, dai registi agli sceneggiatori. Sarà per un riconoscimento artistico, per la voglia di essere protagonista della cerimonia di premiazione, per gli abiti sfarzosi (e a volte scomodi) da indossare, ma gli addetti ai lavori sognano quel red carpet di Los Angeles. I premi, come Continue reading “Premi Oscar: tutto quello che non sapete sulla notte più attesa di Hollywood”

La_forma_dell_acqua

“La forma dell’acqua – The Shape of Water”: una fiaba sulla mostruosità umana

Con 13 candidature agli Oscar e 7 Golden Globe, La forma dell’acqua (The Shape of Water) è l’ultimo film di Guillermo Del Toro. La pellicola ha una trama semplice, ambientata nell’America degli anni Sessanta, durante la Guerra Fredda.

Elisa, giovane donna muta, lavora come donna delle pulizie in un laboratorio scientifico di Baltimora. Un giorno viene trasportata nel centro una creatura anfibia, catturata in Sud America e considerata dai popoli del luogo come divinità. I superiori di Elisa hanno l’obiettivo di studiare le capacità respiratorie del “mostro”, allo scopo di creare una tecnologia utile agli Americani per respirare nello spazio, superando quindi i Russi e il loro primo uomo lanciato in orbita. Continue reading ““La forma dell’acqua – The Shape of Water”: una fiaba sulla mostruosità umana”

Il-labirinto-del-silenzio

“Il labirinto del silenzio”, un film per non dimenticare gli orrori di Auschwitz

Siamo nel 1958 a Francoforte. La Germania è divisa tra est e ovest. E il popolo tedesco non vuole ricordare né la Seconda Guerra Mondiale, né il periodo nazista. È un Nazione che tenta di ricostruire una nuova identità democratica, per espiare i peccati commessi dal Terzo Reich.

Il protagonista è Johann Radmann, un giovane procuratore della neonata Repubblica Federale Tedesca. Un ragazzo agli esordi della carriera, costretto a occuparsi di infrazioni stradali, mentre sogna un giorno di trattare una causa importante.

Continue reading ““Il labirinto del silenzio”, un film per non dimenticare gli orrori di Auschwitz”