OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Profumo di donna” di Massimo Venturiello: il viaggio diviene metafora dell’esistenza

13 | 25 MARZO 2018

PROFUMO DI DONNA

dal romanzo “Il buio e il miele” di Giovanni Arpino

diretto e interpretato da Massimo Venturiello
con (in ordine alfabetico) Irma Ciaramella, Camillo Grassi, Andrea Monno, Claudia Portale, Sara Scotto di Luzio, Franco Silvestri

adattamento Pino Tierno
la voce dei brani cantati è di
Tosca
scene
Alessandro Chiti

costumi Sabrina Chiocchio
musiche Germano Mazzocchetti

light design Umile Vainieri

Continue reading ““Profumo di donna” di Massimo Venturiello: il viaggio diviene metafora dell’esistenza”

index

Recensione dello spettacolo “Antigone” con la regia di Federico Tiezzi: al Teatro Argentina fino al 29 marzo

Antigone
di Sofocle
traduzione Simone Beta
adattamento e drammaturgia Sandro Lombardi, Fabrizio Sinisi e Federico Tiezzi
regia Federico Tiezzi

con Ivan Alovisio, Marco Brinzi, Carla Chiarelli, Lucrezia Guidone, Lorenzo Lavia, Sandro Lombardi
Francesca Mazza, Annibale Pavone, Federica Rosellini, Luca Tanganelli, Josafat Vagni, Massimo Verdastro
e con Francesca Benedetti

scene Gregorio Zurla
costumi Giovanna Buzzi
luci Gianni Pollini
canto e composizione dei cori Francesca Della Monica
movimenti coreografici Raffaella Giordano
assistente alla regia Giovanni Scandella

Sinossi

“Molte sono le cose mirabili, ma nessuna è più mirabile dell’uomo.”
Sofocle

Dopo il felice esito del Calderón di Pier Paolo Pasolini, (Premio Ubu 2016 per la migliore regia), Federico Tiezzi firma una nuova monumentale produzione per il Teatro di Roma, Antigone di Sofocle, con protagonisti Sandro Lombardi e Lucrezia Guidone, in prima nazionale dal 27 febbraio al 29 marzo al Teatro Argentina, dritti al cuore dello scontro tra l’eroina, che si fa portatrice dei valori della legge naturale, e Creonte, che rappresenta la legge degli uomini. Continue reading “Recensione dello spettacolo “Antigone” con la regia di Federico Tiezzi: al Teatro Argentina fino al 29 marzo”

15125400451_de4e06b672_z

Anna Magnani, una donna senza tempo. Simbolo di passionalità e autenticità

Ambiziosa, fiera, raffinata, passionale e velatamente triste, Anna Magnani incarna, l’emblema della donna mediterranea, determinata, libera e audace, quella che non si tira indietro dinanzi a niente, nemmeno di fronte ad una ruga di troppo. A 110 anni dalla sua nascita, l’attrice, ancora oggi, è motivo d’orgoglio del genere femminile. Antidiva per antonomasia, è una vera leggenda nel mondo cinematografico italiano. 

Nata a Roma il 7 marzo 1908, Anna Magnani ha fatto della capitale italiana la sua patria ideale, creando una complicità intima, che emerge in ogni sua interpretazione, esportando la sua romanità in tutto il mondo. Cresciuta con la nonna materna, Anna, che non conobbe mai il padre, prese il cognome della madre. Stesso destino successe al figlio Luca nel 1942, avuto dopo una breve relazione Continue reading “Anna Magnani, una donna senza tempo. Simbolo di passionalità e autenticità”

lina sastri di Valdina Calzona

“Lina Sastri. Appunti di viaggio”: sul palcoscenico un elogio all’arte.

LINA SASTRI

APPUNTI DI VIAGGIO

biografia in musica

SCRITTO E DIRETTO DA
LINA SASTRI

 con

Filippo D’Allio, chitarra

Gennaro Desiderio, violino

Salvatore Minale, percussioni

Gianni Minale, fiati

Salvatore Piedepalumbo, fisarmonica e tastiere

Luigi Sigillo, contrabbasso

 

PRODUZIONE ENTE TEATRO CRONACA VESUVIOTEATRO

TEATRO SALA UMBERTO

8 – 18 FEBBRAIO 2018

Via Della Mercede 50      06 6794753      www. salaumberto.com

martedì, giovedì e venerdì ore 21, mercoledì ore 17, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17

Prezzi da 38€ a 28€

Sinossi

Un racconto libero della vita artistica di Lina Sastri, dal debutto in Masaniello alle prime esperienze teatrali con Eduardo e Patroni Griffi, dal cinema alla musica, all’invenzione del suo teatro musicale. E così, di volta in volta, il racconto si anima di citazioni di prosa, da Filumena Marturano di Eduardo a Pirandello a La casa di Ninetta della stessa attrice autrice, ma si anima soprattutto di musica, da Assaje scritta da Pino Daniele per il film Mi manda Picone alla Madonna de lu Carmine di Roberto De Simone per spettacolo Masaniello, da Reginella cantata per la prima volta a Cinecittà in una serata dedicata alla commemorazione di Anna Magnani, a Maruzzella, da Gracias a la vida di Violeta Parra ad Alfonsina y el mar, dal tango al bolero, alle tammurriate popolari, dai classici napoletani ai brani inediti scritti per lei dai nuovi compositori e autori napoletani. Continue reading ““Lina Sastri. Appunti di viaggio”: sul palcoscenico un elogio all’arte.”

26913893_788157614701990_2130544723_n

Sulle ali dell’arte: intervista con l’attrice Elisa Billi

Oggi sulle Ali dell’arte dialoga con un’attrice giovane, brillante e piena di capacità. Delicatezza, eleganza, femminilità, in una parola Elisa Billi.

  • Innanzitutto, parliamo un po’ della tua biografia, elemento che ci aiuta a comprendere meglio il tuo affascinante percorso attraverso il quale il personaggio e la persona si incontrano influenzandosi a vicenda. Quali sono le tappe principali del tuo cammino nel bel sentiero dell’arte?

Nasco a Firenze, città alla quale sono legata e della quale sono molto orgogliosa; il teatro e la danza rappresentano per me fin da giovanissima un’attrazione irrinunciabile, mossa anche dalla passione per tutto quello che è in grado di elevarci culturalmente ed esteticamente. I movimenti, i gesti e le parole del palcoscenico per me rappresentano la luce che riempie la vita, che la dipinge in una varietà di colori ed in questi campi davvero il movimento acquisisce un senso. Quello che noi tutti ricerchiamo continuamente, il senso in ogni situazione; e l’arte, la cultura e la bellezza possono aiutare le persone ad interrogarsi sulla complessità dell’esistenza. Se i primi passi li muovo a Firenze, per iniziare a lavorare sodo devo trasferirmi a Roma, e così è stato. Mi sono formata presso il Teatro Azione ed ho seguito parecchi corsi di formazione, non solo per migliorare nel mio campo ma anche per affrontare le sfide della comunicazione e quelle attoriali in maniera interdisciplinare. Ho capito che bisogna studiare approfondendo ogni singolo aspetto dell’arte con determinazione ed allo stesso tempo con la voglia di mettersi in discussione, per crescere, per potenziare le proprie qualità e per correggere i difetti. Mi sono laureata in Scienze Turistiche branca di economia e commercio e ho frequentato per un anno un corso di doppiaggio che ho trovato molto utile per comprendere l’uso efficace ed ottimale della voce. La recitazione mi ha sbloccato, è riuscita a far emergere la parte migliore di me. Continue reading “Sulle ali dell’arte: intervista con l’attrice Elisa Billi”

unnamed(1)

Intervista a Luca D’Alessandro: l’Amore è “L’Unità di Misura” per dare valore alle cose

Ho avuto il piacere di intervistare Luca D’Alessandro, classe ’79, autore, cantautore e speaker italiano.

L’amore per la musica lo accompagna fin dalla giovane età ed ha all’attivo più di 100 brani, vissuti come un diario privato; infatti ha pubblicato il suo primo album solo nel 2016.

Egli è una persona poliedrica: nel 2008 esce il suo primo libro e attualmente il quarto è in pubblicazione nel 2018. Tiene conferenze in vari Paesi in cui rende partecipi i presenti del suo nuovo modo di pensare e vivere.  Ha scritto per il cinema e per il teatro, oltre ad aver recitato e condotto un programma radiofonico.

 Alla fine del 2017 è uscito con il nuovo singolo dal titolo “Innamorati”.  

  • “INNAMÒRATI” è il nuovo singolo in cui l’amore è il protagonista. Nella tua vita che valore ha l’amore e come si manifesta?

L’Amore non ha un valore, lo definirei più “L’Unità di Misura” che mi permette di dare valore alle cose. Tutto ciò che mi fa innamorare ha un valore immenso. Il mio impegno sta nell’abbandonare ogni giorno di più le idee e le opinioni che ho riguardo all’innamoramento per fare in modo di vivere “innamorato” di qualunque esperienza, sia triste felice o arrabbiata.  Continue reading “Intervista a Luca D’Alessandro: l’Amore è “L’Unità di Misura” per dare valore alle cose”