mlh_72

[COMUNICATO] MS. LAURYN HILL il 22 giugno a Parma per il XX anniversario di “The Miseducation of Lauryn Hill”. Unica data italiana

MS LAURYN HILL

IL 22 GIUGNO A PARMA

L’UNICA DATA ITALIANA

22 GIUGNO 2018 – ORE 21.30

PARMA – PARCO DELLA CITTADELLA

Prevendite sul sito www.ticketone.it

e nei punti vendita Ticketone

dalle ore 11.00 di mercoledì 9 maggio 2018

Settori e prezzi:

Poltronissima Numerata € 55,00 + d.p.

Poltrona Numerata € 40,00 + d.p.

Ms. Lauryn Hill si esibirà il 22 giugno nella splendida cornice della Cittadella di Parma. Quest’unica data italiana anticipa una lunghissima serie di show negli Stati Uniti, già quasi tutti sold-out, e poi nel resto del mondo. E non poteva esserci modo migliore per celebrare il ventesimo anniversario della pubblicazione di “The Miseducation of Lauryn Hill”, l’album che, con oltre 19 milioni di copie vendute e 5 Grammy Awards, nel 1998 la consacrò come nuova regina della black music. Continue reading “[COMUNICATO] MS. LAURYN HILL il 22 giugno a Parma per il XX anniversario di “The Miseducation of Lauryn Hill”. Unica data italiana”

news-624859_960_720

BuoneNews: “Pianeta Felice” n°48

Luiss Roma: il contatto con la natura rappresenta un ritorno alla vita selvatica che consente un incontro con l’altro, l’Alto ed un ritorno a sé stessi. All’interno dell’orto della Luiss le persone  autistiche prendono confidenza con l’autonomia, non quella interiore che li isola dal resto del mondo pur conservando un grado di sensibilità e di tatto molto alti; l’indipendenza all’aria aperta che li avvicina anche agli individui che li circondano.

È incominciata infatti la nuova edizione di Autistici & Giardinieri, un sentiero di vita pensato ed elaborato per i giovani che soffrono  Continue reading “BuoneNews: “Pianeta Felice” n°48”

Controvento copertina

[COMUNICATO] E’ uscito “Controvento” il nuovo singolo di Marco Iantosca

“Controvento”, è il nuovo singolo di Marco Iantosca, il giovane cantautore campano, che continua a mixare un sound nostalgico caratterizzato da molte influenze.

Scritto nel 2016 in Venezuela dallo stesso Iantosca, il singolo è un tributo a un Popolo che non si è mai arreso alle difficoltà della vita e della guerra. “Vedere uomini e donne reagire a una guerra civile di cui si sa poco in Italia – afferma il cantautore – è stato per me un forte stimolo. Sorridere al dolore non è cosa di tutti i giorni, ma è necessario lottare andando appunto controvento”.
Originale anche il videoclip girato negli Stati Uniti e diretto da Gugu E Michaels, che ha già collezionato importanti riconoscimenti sia in America che in Africa.  Le scene, girate nel “downtown” di Dallas, vedono la partecipazione  come modella della cantante Keocia Perry e del rap del talentuoso Hot Ice, con il quale Iantosca sta collaborando.  Nel video sono presenti spettacolari immagini e  colori per raccontare gli stati d’animo e le emozioni a cui  l’artista affida una sua particolare interpretazione.
494px-Martin_Luther_King_Jr_NYWTS

Martin Luther King e la disobbedienza pacifica: 50 anni dopo Memphis

A cinquant’anni dalla morte di Martin Luther King, gli Stati Uniti hanno ricordato il reverendo pacifista con una manifestazione di commemorazione che ha attraversato l’intero Paese.

La sua eredità e il suo impegno civile sono ancora vivi nella comunità statunitense e nei vari movimenti pacifici, dal movimento “Black Lives Matter”, contro le violenze della polizia, alla “March for Our Lives”, manifestazione contro le armi libere. A questa manifestazione, intervenne anche la nipote di King, Yolanda Renee di 9 anni, riprendendo la celebre frase nel nonno “I have a dream”.

Erano le 18.01 del 4 aprile 1968 quando Martin Luther King, sul balcone della stanza 306 del Motel a Mulberry Street, dove alloggiava a Memphis, fu colpito alla testa da un colpo di fucile di precisione. La corsa al St. Joseph’s Hospital, fu vana. I medici constatarono un irreparabile danno cerebrale e la sua morte venne annunciata alle 19.05 del medesimo giorno. Nonostante le richieste del Presidente degli Stati Uniti Johnson al popolo di non cedere all’impulso della violenza, i giorni dopo la scomparsa del reverendo si registrarono in oltre 120 città atti violenti. L’8 giugno, venne arrestato James Earl Ray con l’accusa di aver ucciso King. All’inizio confessò di essere lui l’assassino, ma dopo tre giorni ritrattò la sua versione professandosi innocente. Il 10 marzo 1969 venne condannato a 99 anni di reclusione. Ad essere indagato e condannato al pagamento della somma di 100 mila dollari alla famiglia di King, fu Loyd Jowers, proprietario del ristorante Jim Grill situato a Mulberry Street, dove avvenne l’omicidio, accusato di aver Continue reading “Martin Luther King e la disobbedienza pacifica: 50 anni dopo Memphis”

28378897_10215612439293075_4800466367044612532_n

[REVIEW PARTY] Recensione del romanzo “Red Sparrow” di Jason Matthews.

Titolo: Red Sparrow

Autore: Jason Matthews

Editore: DeA Planeta

Genere: Narrativa

Pagine: 516

Sinossi

Bella, intelligente, intuitiva, votata alla disciplina più ferrea e imbevuta di ideali patriottici. Nella Mosca di oggi, dove nessuno fa più finta di credere che la Guerra fredda sia finita davvero, Dominika Egorova sembra nata per fare la spia. Se non fosse per il carattere impetuoso, che non sempre le riesce di dominare. Quando il padre muore senza preavviso e un brutto incidente la costringe a lasciare l’accademia di danza, Dominika si ritrova invischiata in un gioco la cui portata non sospetta neppure. Lo zio, potente vicedirettore dell’SVR, vede in lei la candidata ideale a diventare una “sparrow”, un’agente segreta specializzata in sofisticate tecniche di seduzione e manipolazione dell’avversario. Ciò che Dominika non può immaginare è la vertiginosa spirale di inganni, violenza, doppio gioco e passione nella quale si ritroverà suo malgrado a sprofondare. E il travolgente passo a due che la vedrà schierata ora contro, ora al fianco di Nate Nash, agente CIA dal carattere schivo ma determinato. Continue reading “[REVIEW PARTY] Recensione del romanzo “Red Sparrow” di Jason Matthews.”

news-624859_960_720

BuoneNews: “Pianeta felice” n°35

Medicina: i superager sono anziani che hanno l’età minima di 80 anni ma ne dimostrano la metà per reattività, slancio vitale, memoria e predisposizione alle sfide della vita, tanto che negli Stati Uniti rappresentano persone che incarnano materiale umano specifico di studi ed approfondimenti. Gli scienziati della Northwestern University hanno evidenziato, attraverso le loro indagini, come e quanto il cervello ed in generale tutto quello che interagisce con la componente celebrale di queste persone invecchi più lentamente rispetto a quello di coetanei anziani normali, il cui cervello in maniera graduale e via via progressiva va incontro all’atrofia nel corso del tempo. I superager hanno delle cellule grigie simili e comparabili a quelle di venticinquenni, ed allo stesso tempo nutrono gli stessi sogni e la stessa sete di linfa vitale anche se, alle spalle e sulle spalle ci sono bagagli di esperienza, saggezza, sapienza e cultura sia essa popolare, legata alla vita vissuta o figlia degli insegnamenti del passare e del consumarsi dell’esistenza. Ancora la scienza non riesce a dimostrare le motivazioni di queste differenze, e comunque il raggio d’azione della ricerca risulta talmente ampio, da non consentire ancora una sintesi. Quello che conta comunque è che molti individui sono in grado di cogliere il succo dei giorni anche nella tarda età, grazie a doti innate, ma forse talvolta grazie alla capacità di essere stati in grado di vivere Continue reading “BuoneNews: “Pianeta felice” n°35”