World Press Photo, il vincitore del 2019 è John Moore

A vincere l’edizione 2019 del World Press Photo, il più importante concorso di fotogiornalismo a livello mondiale, è stato John Moore con la foto Crying Girl on the Border.

Il 12 giugno 2018, il fotoreporter ha immortalato il pianto inconsolabile della piccola Yanela Sanchez, originaria dell’Honduras, mentre la madre Sandra veniva fermata  dalla polizia di frontiera statunitense in Texas.

L’immagine è di forte impatto, mi ha fatto pensare ad un contemporaneo Caravaggio della fotografia; dall’oscurità emergono le figure dei protagonisti e i dettagli più pregnanti, le braccia della madre contro la macchina, le mani del poliziotto coperte dai guanti, intente a perquisire la donna, mentre in basso spiccano la maglietta e le scarpine rosse della bimba, uniche note di colore della foto, di cui sembra quasi poter sentire l’urlo di dolore.

Della madre e del poliziotto non vediamo i volti, perquisita e perquisitore sono due soggetti anonimi, che raccontano una storia consueta, ma qui, ad irrompere sulla scena con la sua potenza è la figura della bambina che con il suo pianto disperato spezza il freddo immobilismo dell’immagine.

Sebbene non sia rappresentato un momento di separazione della madre dalla figlia, la fotografia intende far luce sul dramma dei migranti ed è diventata il simbolo della lotta alla politica di Trump che intendeva separare i minori dai genitori immigrati irregolarmente.

Il 20 giugno, solo otto giorni dopo lo scatto di questa foto, il presidente Trump firmò un ordine esecutivo con il quale si pose fine alla separazione delle famiglie immigrate irregolarmente.

John Moore ha vinto il premio World Press Photo of the Year, la foto più significativa dell’anno, invece, a vincere il World Press Photo Story of the Year, dedicato a una storia su una questione di grande importanza, è stato Pieter Ten Hoopen anche lui con un lavoro che pone l’attenzione sulle vicende dei migranti.

Tra i vincitori delle altre categorie anche due fotografi italiani, Marco Gualazzini ha vinto nella categoria Ambiente mentre Lorenzo Tugnoli si è aggiudicato la vittoria per la categoria General News.

Come ogni anno, anche nel 2019, si terrà la World Press Photo Exhibition, la mostra si potrà ammirare Al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 25 aprile al 26 maggio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.