news-624859_960_720

BuoneNews: “Pianeta Felice” n°46

Torino: nella città dalle mille contraddizioni, per i suoi passati cattolici, risorgimentali, esoterici,  e al contempo del fascino dei contrasti, la qualità sposa la quantità, lontana dal concetto di velocità parametro talvolta insopportabile di un’epoca dai ritmi inesauribili: circa  150mila presenze registrate al SalTo2018, il Salone del libro di Torino. Eventi che legano l’occasione di incontri e dibattiti al viaggio culturale della mente attraverso lo scorrere delle pagine. Un libro letto è un’occasione sensoriale, condividerlo con le altre persone rappresenta un interscambio arricchente.

Una  bella notizia per  tutti coloro che  temevano sulla scorta delle affermazioni dei media che l’Editoria fosse in crisi. Un dato è sicuro, l’ebook ha avuto scarso successo perché l’odore dei tomi, il rumore della carta non possono essere sostituiti.

La rete registra la sua utilità nel momento in cui riesce nell’intento di mettere in comunicazione le persone reali nella vita reale, in Continue reading “BuoneNews: “Pianeta Felice” n°46”

28827890_1606572276100850_7776904354407069749_o

Intervista a Luigi Andrea Cimini: nuovo Ambassador di PlayTrip, una nuova piattaforma editoriale

Luigi Andrea Cimini, scrittore di successo, è stato scelto per divenire Ambassador in Italia di PlayTrip, una nuova piattaforma editoriale digitale in grado di far vivere un’esperienza di lettura a 360°.

PlayTrip è uno strumento di promozione capace di fondere business, editoria e turismo.

“Milano Classe ’75, scrittore, autore di testi musicali, coautore teatrale e insegnante di Lettere. Luigi Andrea Cimini è rinomato per opere come “Scritti senza Meta” e “Sprazzi di Bene”, per le importanti collaborazioni con numerose antologie e come autore di testi musicali. Nel 2017 pubblica il romanzo “Negli Occhi del Mare”, attualmente Luigi è al lavoro per l’uscita del sequel. Conosciuto come opinionista radiofonico e coautore teatrale, nel 2018 viene scelto da “PlayTrip” come Ambassador ufficiale.” Continue reading “Intervista a Luigi Andrea Cimini: nuovo Ambassador di PlayTrip, una nuova piattaforma editoriale”

l'uomo sul treno poster

L’uomo sul treno – The Commuter: da giovedi 25 gennaio al cinema

Durante il vostro quotidiano viaggio da pendolare una sconosciuta vi si avvicina e vi propone una sfida: trovare un passeggero “fuori posto”. Voi cosa fareste?

È questa la situazione in cui si trova il protagonista de L’uomo sul treno, l’action-thriller diretto da Jaume Collet-Serra in uscita giovedì 25 gennaio nelle sale.

Michael McCauley (Liam Neeson), un assicuratore che ormai da dieci anni si sposta quotidianamente dai sobborghi al centro di New York, sta vivendo una brutta giornata. Come sempre si è preparato per andare al lavoro, salutando la famiglia con cui vive una vita tranquilla, ma una volta giunto in ufficio il suo capo lo licenzia, nonostante sia un buon lavoratore prossimo alla pensione.

I suoi problemi però non sono finiti qui.

Continue reading “L’uomo sul treno – The Commuter: da giovedi 25 gennaio al cinema”

loc arkady

“Arkady” al Teatro Trastevere fino al 26 gennaio: “I sogni ti puliscono l’anima e non si possono scambiare con niente”

dal 23 al 26 gennaio 2018

ARKADY

di Giacomo Sette

diretto da Azzurra Lochi

musiche originali di Alice Giorgi e Ana Kusch

disegno luci di Pietro Frascaro

aiuto regia Giacomo Sette

grafica e locandina Beatrice Fonti

responsabile stampa compagnia Chiara Preziosa

foto promozionali Giulia Castellano

con

Arkady: Giulio Clerici

Alina: Alice Giorgi

Papà: Simone Caporossi

Azazael: Ana Kusch

Arkady è un giovane camionista di origini moldavo-russe. La sua è una tratta molto particolare. Consegna tessuti a Le Havre (Francia) e Cabo de Roca (Portogallo), partendo da Taranto. Circa 40 ore di viaggio, con strettissime pause per mangiare e riposare. Il suo viaggio descrive un triangolo perfetto per l’Europa Occidentale. Ma Arkady avrebbe voluto fare il poeta e, soprattutto, è terrorizzato dalla prospettiva di un colpo di sonno. Il Sonno è il suo grande nemico. Per vincere la paura e superare indenne il suo viaggio, Arkady parla da solo. Lo troviamo che parla delle fatiche affrontate per corteggiare e conquistare Alina, laureanda in Storia Contemporanea con una tesi sulla nostalgia dei russi per l’Unione Sovietica. La personalità chiusa e incerta di Arkady incontra non poche difficoltà nell’impresa. Ad aiutarlo ed ostacolarlo ci sono suo Padre, (un ex dissidente sovietico, costretto alla miseria e all’emigrazione dopo la caduta del muro di Berlino), e una misteriosa ragazza, Azazael, narratrice onnisciente. Personaggi reali o semplici proiezioni? In un abitacolo sempre più simile alla mente di chi lo guida tutto è possibile: i piani e i temi si confondono, le voci si accumulano e la strada va, inesorabile. Con il Sonno. Davanti ad Arkady un bivio: la consegna precisa e puntuale dei tessuti o il volo meraviglioso nel paradiso dei camion? La strada da scegliere è tutta qui: chiudere gli occhi, o no. Continue reading ““Arkady” al Teatro Trastevere fino al 26 gennaio: “I sogni ti puliscono l’anima e non si possono scambiare con niente””

La lanterna magica di Molotov

“La lanterna magica di Molotov” di Rachel Polonsky

Con La lanterna magica di Molotov, Rachel Polonsky ha viaggiato attraverso i luoghi della Russia che hanno ispirato i pensieri e le penne di tanti personaggi più o meno famosi, e che attraverso il suo studio tornano a vivere in un dialogo tra le loro epoche e quella presente.

Il lettore resta interdetto di fronte al titolo del libro: come può accordarsi una lanterna magica, evocazione di mondi fiabeschi e avventure, a un nome così ancorato alla Storia – alla sua parte più buia – come quello di Molotov? Eppure lo spunto del viaggio che ha dato origine al libro è proprio nella connessione tra questi due elementi.

Continue reading ““La lanterna magica di Molotov” di Rachel Polonsky”

20161210224620_coverjanus

Janus River: la storia del ciclista 80enne che fa il giro del mondo

80 anni: una passione per il ciclismo e per le bellezze che la Terra ha da offrire.  

Questa è la storia di Janus River, ciclista polacco, che da 17 anni fa il giro del mondo in compagnia di una mountain bike e uno zaino.

Il 6 dicembre è giunto nella città di Lucca con un’accoglienza che lo stesso Janus ha definito “la migliore del mondo”.

Il suo obiettivo? Estremamente ambizioso! Vuole arrivare nel 2028 nella città di Pechino. In quell’anno Janus avrà “solamente” 91 anni.

Continue reading “Janus River: la storia del ciclista 80enne che fa il giro del mondo”