Parlottini_Plastic Busters_AMICI CUCCIOLOTTI_b

[COMUNICATO] AMICI CUCCIOLOTTI collabora con l’Università di Siena per salvare gli animali del Mar Mediterraneo: prende il VIA il progetto internazionale “PLASTIC BUSTERS MPAs” per salvare il Mar Mediterraneo dalle microplastiche!

AMICI CUCCIOLOTTI collabora con l’UNIVERSITÀ DI SIENA

per salvare gli animali marini del Mar Mediterraneo

PRENDE IL VIA IL PROGETTO INTERNAZIONALE

“PLASTIC BUSTERS MPAs”

PER SALVARE IL MAR MEDITERRANEO DALLE MICROPLASTICHE

Il Mar Mediterraneo è una delle aree marine del mondo più compromesse dai rifiuti galleggianti!

È questo l’allarme lanciato dall’UNIVERSITÀ di SIENA, che coordina insieme all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) il progetto internazionale di ricerca scientifica “PLASTIC BUSTERS MPAsa cui aderiscono 15 istituti di ricerca e Ministeri di 6 paesi del Mediterraneo, che nasce dal progetto più ampio “Plastic Bustersa cui aderiscono 43 paesi dell’Unione del Mediterraneo. Continue reading “[COMUNICATO] AMICI CUCCIOLOTTI collabora con l’Università di Siena per salvare gli animali del Mar Mediterraneo: prende il VIA il progetto internazionale “PLASTIC BUSTERS MPAs” per salvare il Mar Mediterraneo dalle microplastiche!”

news-1644686_960_720

BuoneNews: “Pianeta felice” n°16

Amazzonia: un nuovo rapporto a cura del WWF ha rivelato che fra il 2014 ed il 2015 sono state individuate, scoperte e registrate quasi 400 specie di esseri viventi, un dato che ci riempie di gioia constatando quanto il nostro universo sia bello, ricco di sorprese e di fascino e che troppe volte in nome di interessi umani fini a sé stessi o in nome addirittura di automatismi collaudati votati alla modernità e al progresso urbano ci fanno dimenticare la poesia dell’ambiente. Esistono nuove specie di piante, rinnovate tipologie di pesci, anfibi, mammiferi, tra i quali alcuni fossili ed un uccello raro. Il volatile in questione trascorre le sue giornate di lavoro alla ricerca del cibo, di riposo e giochi in un territorio incontaminato fra i colori del Brasile, le sfumature del Perù e le tavolozze di colore dell’Ecuador. Speriamo che i governanti per il futuro prestino la dovuta attenzione per l’ecosistema, sempre nell’ottica di una cura per la centralità della persona, che possa vivere umanamente ed in una reale immersione nella bellezza del pianeta, all’insegna di quella ricerca del carattere selvatico e naturale che come i nostri lettori avranno imparato a conoscere è uno dei tratti Continue reading “BuoneNews: “Pianeta felice” n°16”