Premi Oscar: tutto quello che non sapete sulla notte più attesa di Hollywood

L’attesa per i 90esimi Premi Oscar 2018 sta per terminare. La notte tra il 4 e 5 marzo, gli appassionati di cinema di tutto il mondo, seguiranno la cerimonia al Dolby Theatre di Los Angeles e sapranno tutti i vincitori della statuetta più ambita di Hollywood. 

Dal 1929 a oggi, vincere un Oscar è il sogno per tutti coloro che lavorano nel mondo del cinema, dagli attori ai truccatori, dai registi agli sceneggiatori. Sarà per un riconoscimento artistico, per la voglia di essere protagonista della cerimonia di premiazione, per gli abiti sfarzosi (e a volte scomodi) da indossare, ma gli addetti ai lavori sognano quel red carpet di Los Angeles. I premi, come molti sanno, vengono conferiti dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, un’organizzazione professionale fondata negli Stati Uniti nel 1927 per sostenere l’industria cinematografica. L’Academy è composta da circa 6 mila membri, tutti professionisti del cinema. In genere, la Notte degli Oscar si tiene l’ultima domenica di febbraio o, come quest’anno, la prima di marzo.

Premi Oscar: la statuetta e la prima edizione

La statuetta è placcata in oro 24 carati ed è alta 35 centimetri e ha un valore di quasi 300 dollari. Il nome ufficiale del premio non è Oscar, ma Academy Award of Merit. Ci sono molte voci sul perché tutti chiamano l”uomo d’orato’ Oscar, la più accreditata sembra essere quella che racconta un’esclamazione del tutto naturale di Margaret Herrick, impiegata dell’Accademy, che, vedendo la statuetta su un tavolo, disse: “assomiglia proprio a mio zio Oscar!” Chissà se la signora Herrick si sarà sentita a casa. Per quanto riguarda la prima edizione dei Premi Oscar, si svolse il 16 maggio 1929 a Los Angeles, nella Blossom Room dell’Hollywood  Roosevelt Hotel. Senza suspense, ansia da prestazione, emozioni varie, discorsi di ringraziamento e con una durata di poco più di 4 minuti, ai vincitori già annunciati tre mesi prima, gli venne consegnata la statuetta.

Premi Oscar: tra esultanze inusuali e gaffe imbarazzanti

Anche nella Notte più attesa nel mondo cinematografico, non mancano sorprese particolari, che hanno riempito le pagine dei giornali e sono passate di bocca in bocca. Restando “a casa nostra”, come dimenticare nel 1999 l’emozionante proclamazione di Sophia Loren – miglior attrice protagonista nel 1962 nel film La Ciociaraquando annunciò il Premio Oscar a La Vita è  Bella come miglior film straniero, e come dimenticare la reazione inusuale di Roberto Benigni che, per ricevere la statuetta, passò sopra le teste degli ospiti. L’attore italiano, lo stesso anno, vinse l’Oscar anche come miglior attore protagonista, sempre per lo stesso film da lui diretto.

Nella storia degli Oscar, non poteva mancare una caduta memorabile. Eh si, nel 2013, Jennifer Lawrence, mentre si appresta a salire le scalette che la portano sul palco, inciampa rovinosamente tra la sfarzosità del suo abito avorio. La giovane attrice, vincitrice del premio come miglior attrice protagonista nel film Il Lato Positivo, visibilmente emozionata, si è rialzata con sorriso ha ritirato la statuetta più che meritata.

Tra le gaffe più imbarazzanti dei Premi Oscar, una menzione speciale va riservata all’edizione dello scorso anno, quando venne proclamato erroneamente l’Oscar al miglior film a La La LandWarren Beatty e Faye Dunaway, quando si sono trovati sul palco per annunciare il vincitore, avevano con loro la busta che non conteneva il miglior film, ma il nome della miglior attrice protagonista (Emma Stone in La La Land). Dopo che l’intero cast salì sul palco per ritirare il premio e iniziare i discorsi di ringraziamento, gli fu annunciato, con grande imbarazzo, che c’era stato un errore e che il film vincitore era Moonlight.

Chissà se anche i 90esimi Premi Oscar ci riserveranno sorprese tra i vincitori, colpi di scena, gaffe, cadute, o discorsi particolari. Per saperlo bisogna aspettare la notte di domenica 4 marzo.

Isabella Insolia

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.