PicsArt_05-20-06.04.41

Segnalazione della silloge “La mia non è poesia” di Floriana Porta

Segnaliamo l’uscita della nuova silloge della poetessa torinese Floriana Porta. Poesie e haiku raccolti in un libro dal titolo “La mia non è poesia”, edito da Aljon Editrice.

IL LIBRO

250x250 Beach

Cosa unisce i versi gli uni agli altri? Come può ogni poesia rappresentare un percorso parallelo e incrociato dritto al cuore del lettore? Questa prefazione non darà tutte le risposte ma cercherà di costruire una mappa plausibile e ideale entro il quale collocarsi. Entriamo nel vivo del libro. Le poesie di Floriana Porta incarnano i percorsi interiori che ognuno di noi vive nel suo io più profondo, dove la natura, il surreale e il sogno coesistono in maniera sorprendente. Una poesia sempre molto riflessiva, silenziosa nell’osservare il mondo e farlo proprio. Ma soprattutto una poesia dallo stile ermetico, che fa a meno della punteggiatura, e lontana dalla retorica e dal sentimentalismo. 
In questi versi densi e a lungo meditati emergono le tematiche cardine della poetessa: il tempo e il silenzio, la terra e l’acqua, la pelle e la carne; la carne e il pensiero impastati nella stessa sostanza, amalgamati in una prospettiva metafisica e misteriosa. 
Negli haiku la poetessa concentra nella brevità di diciassette sillabe mondi sconosciuti e inesplorati, dove l’io lirico vaga dal presente al passato in una dimensione intimista e profonda. Osservazione e contemplazione, purezza e bellezza, brevità ed intensità: è proprio qui, in questi fugaci istanti poetici che – tacitamente – nascono i suoi vibranti haiku. 
Concludendo questa ultima silloge mette nuovamente in luce la grandezza espressiva e la forza dell’immaginazione della poetessa Floriana Porta, che si distingue per la sua coerenza tematica e profonda ricercatezza, offrendo un incantato ritratto della poesia. Continue reading “Segnalazione della silloge “La mia non è poesia” di Floriana Porta”

Napoli_2

Ode all’anima, quella bella, di Napoli!

Quando si parla di Napoli, inevitabilmente e quasi nell’immediato, si finiscono per creare fazioni, dissapori, pareri contrastanti e discussioni animate. Il cuore pulsante di questa città batte, in fondo, anche nell’attimo in cui permea qualsiasi argomento. La si ama, come tutti quelli che arrivati armati di profondo scetticismo e pregiudizio, dopo averla assaporata nei piatti, respirata negli odori, ammirata nei colori, non se ne vogliono più separare. E non se ne separeranno, perché quei suoni e quell’anima non si dimenticano più. La si odia, di converso, per i suoi limiti, le sue mille contraddizioni e le sue molte criticità e disfunzionalità. Inutile negarlo, sono tante ancora le cose che non girano a Napoli. Eppure non lascia mai indifferenti, non fosse altro per suscitare un moto rabbioso in chiunque l’abbia amata e la vede vilipesa da certe dinamiche.

“Napoli è come una Vipera: la testa è velenosa, la coda non serve a niente, la parte di mezzo è buona”. Così la descrive in maniera incisiva, Enzo Striano autore del “Il Resto di niente”, uno dei romanzi che forse meglio è riuscito a cogliere quelle contraddizioni, Continue reading “Ode all’anima, quella bella, di Napoli!”

fabio-strinati2

Alla scoperta delle poesie di Fabio Strinati

Lettori oggi vogliamo farvi conoscere le poesie del poeta Fabio Strinati, i cui versi saranno leggibili a seguire.

 

INEBRIANDOMI

Aria satura di te

dentro il mio cuore

banner_336x280

di frasche e di diluvio; Continue reading “Alla scoperta delle poesie di Fabio Strinati”

news-1644686_960_720

BuoneNews: “Pianeta felice” n°12

Montagna: Jacek Matuszek e Lukasz Dudek hanno realizzato, nei primi giorni di agosto, la seconda ripetizione dell’arrampicata libera Project fear sulla cima ovest di Lavaredo. Aperta nel 2014 dallo scozzese Mcload, la via sentiero segue e scruta la traiettoria della linea aperta artificialmente nel 1968 dal team squadra capitanato da Gerard Bauer. Supera i 130 metri e si riconnette al Pan Aroma fino a proseguire per la via Cimin. Scoprire, ricercare, approfondire le sensazioni, le esperienze, i dati fattuali delle vette è un percorso in verticale, in orizzontale nello spazio della mente e del corpo. Ridefinire il lato naturale e ricostruire la propria dimensione selvatica è una boccata d’ossigeno lontana dagli inquinamenti degli stress di città. Per questo con tutto il rispetto per il mare, è sacrosanto ed appassionante promuovere le vacanze di montagna, che non devono essere mero sport e turismo, ma soprattutto dimensione di equilibrio interiore per riconnettersi con la natura, con gli altri e con sé stessi. Da tale equilibrio si potrà ripartire per dedicare tempo prezioso anche al turismo e ad allo sport montanaro. Dietro ogni azione, camminata e gesto in montagna c’è dietro qualcosa di più importante, quasi impercettibile ed indefinibile. Di sicuro si può constatare l’esistenza della Continue reading “BuoneNews: “Pianeta felice” n°12”

flag-1142719_960_720

Emergenza migranti: Malta, ripetute violazioni dell’obbligo di soccorso in mare. Tensioni tra la Libia e le ONG

Nonostante sia anacronistico parlare ancora di emergenza migranti non dovremmo tacere le implicazioni squisitamente politiche dell’intera vicenda. Ciò in nome del diritto all’informazione, ispirato alla correttezza, all’essenzialità e alla completezza. Un’informazione, avulsa da qualsiasi ideologia, pregiudizio, luogo comune ed omissione, in grado perciò di orientare l’opinione pubblica. Sebbene siano pochi i giornalisti che vi abbiano richiamato, i migranti che sbarcano nel nostro paese, vengono soccorsi in mare, da una parte, in virtù di accordi tra gli Stati europei e di “missioni” all’uopo costituite, dall’altra, alla luce di un obbligo di soccorso in mare, che è parte del diritto internazionale del mare.

IL DIRITTO INTERNAZIONALE DEL MARE. È regolato da una Convenzione internazionale, forse poco nota, la Convenzione di Montego Bay del 1982, all’interno della quale è regolato l’obbligo di soccorso in mare. Le norme in essa contenute hanno avuto il primario obiettivo di sostituire un principio generalissimo del diritto internazionale consuetudinario, quello della libertà dei mari, che oggi, sebbene in misura limitata, si applica alle sole zone di mare rientranti nelle cd acque internazionali. All’interno della Convenzione, pienamente recepita dal nostro paese, sono riconosciute e regolate le acque territoriali e adiacenti, ciò al fine di garantire la sovranità degli Stati costieri su una porzione limitata di mare. Ciascuno Stato costiero esercita in mare la propria sovranità, anche con riguardo al controllo e alla vigilanza dell’immigrazione clandestina. Il mare è perciò concepito come una vera e propria frontiera. Continue reading “Emergenza migranti: Malta, ripetute violazioni dell’obbligo di soccorso in mare. Tensioni tra la Libia e le ONG”

Cop×4_Ambrose

“Ambrose” – la fantascienza secondo Fabio Carta

Alla scoperta del mondo “oltre il mondo” di Ambrose.

Ambrose, romanzo fantascientifico di Fabio Carta, ci proietta in un mondo tutto nuovo e ipertecnologico, ma per certi aspetti rispondente a quello odierno.

In un futuro più o meno lontano, la guerra scoppiata sulla Terra dallo scontro tra Occidente e mondo islamico si è proiettata fin nello spazio, grazie alle avanzate tecnologie che hanno permesso di creare un mercato coloniale cibernetico, lasciando il nostro pianeta immerso nelle radiazioni nucleari e nella povertà più nera.

Vendite flash banner IT 250x250

Tra i vari tipi di combattenti nello spazio c’è CA, protagonista del romanzo, uno spazionoide che ha lasciato a casa un suo avatar e si Continue reading ““Ambrose” – la fantascienza secondo Fabio Carta”