Impossible - cover - ebook

“IMPOSSIBILE” di Julia Sykes: il BDSM come elemento principale del romanzo

TITOLO: Impossibile

TITOLO ORIGINALE: Impossible

AMBIENTAZIONE: New York

AUTORE: Julia Sykes

TRADUZIONE: Mary Durante

COVER ARTIST: Milady Digital Art Creative Cover

SERIE: Impossible

GENERE: Dark Erotic Romance

FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 562
PREZZO: 5.99 € (e-book) su Amazon, Kobo, Itunes, Google Play, Store QE

DATA DI USCITA: 12 Gennaio 2018

Claudia…
La mia vita è cambiata inesorabilmente quella notte; la notte in cui mi hanno rapita. Ho salvato la vita di un uomo, ma cosa mi è costato? Posso convincerlo a salvarmi a sua volta?
Lo odio per ciò che mi ha fatto, ma più a lungo rimango intrappolata con lui, più difficile mi risulta aggrapparmi a quel sentimento. È un enigma di uomo, arrogante in modo sconvolgente, a volte contrito, altre spaventosamente aggressivo a seconda dei momenti. E il dolore nei suoi occhi è come uno specchio per il mio.
Più a lungo resto nelle sue mani, più divento confusa.
La mia libertà vale abbastanza da tradirlo? Continue reading ““IMPOSSIBILE” di Julia Sykes: il BDSM come elemento principale del romanzo”

34177471_2445533938805347_5812243709688807424_n

La Casa Internazionale delle Donne: la “Chiamata alle arti” contro lo sfratto

Una battaglia colta, gentile e buona che si sta combattendo negli ultimi giorni a Roma. Una battaglia per salvare dallo sfratto la Casa Internazionale delle Donne, simbolo del femminismo e delle associazioni. Una battaglia in cui le donne dello spettacolo nostrano stanno portando in scena le loro arti.

Paola Turci, Fiorella Mannoia, Paola Cortellesi, Jasmine Trinca, Anna Foglietta, Sonia Bergamasco, Tosca sono solo alcune delle donne dello spettacolo che hanno risposto “sì” alla “Chiamata alle arti”. L’obiettivo comune è quello di salvare dallo sfratto la Casa Internazionale delle Donne, storico punto di riferimento e di accoglienza, simbolo del femminismo romano. Attraverso lo slogan #lacasasiamotutte, la Casa ha deciso di tirare fuori dalla tasca il jolly vincente, decidendo di puntare sulla cultura e sulle arti per arginare la possibile chiusura della sede, per gridare ancora una volta a gran voce che questo luogo è, e continuerà ad essere, un Continue reading “La Casa Internazionale delle Donne: la “Chiamata alle arti” contro lo sfratto”

Rosmy_foto di Tiziana Orrù_b

[COMUNICATO] E’ uscito “INUTILMENTE”, il nuovo brano della cantautrice lucana ROSMY, in attesa del disco di inediti

ROSMY

Vincitrice del Premio Mia Martini 2016 “Nuove Proposte per l’Europa” 

E’ uscito il nuovo brano INUTILMENTE

Da venerdì 18 maggio è disponibile in digital download e sulle principali piattaforme streaming “INUTILMENTE”, il nuovo brano della cantautrice lucana ROSMY, che anticipa il suo primo album di inediti di prossima pubblicazione. Continue reading “[COMUNICATO] E’ uscito “INUTILMENTE”, il nuovo brano della cantautrice lucana ROSMY, in attesa del disco di inediti”

Cartello Sms_marzo-aprile 2018_b

[COMUNICATO] SOLETERRE: fino al 13 aprile promuove la campagna SMS “GRANDE CONTRO IL CANCRO”, raccolta fondi a sostegno del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP).

DALL’8 MARZO AL 13 APRILE

SOLETERRE

PROMUOVE LA CAMPAGNA SMS

GRANDE CONTRO IL CANCRO

è possibile donare inviando un SMS al 45520

IN ITALIA I FONDI RACCOLTI SARANNO DESTINATI AL POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA

Dall’ 8 marzo fino al 13 aprile Fondazione SOLETERRE promuove la campagna SMS “GRANDE CONTRO IL CANCRO”, raccolta fondi a sostegno del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP). È possibile donare attraverso l’invio di un SMS del valore di 2 euro al numero 45520 da Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali; 5 euro chiamando da rete fissa TWT, Convergenze e Poste Mobile; 5 e 10 euro da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali. Continue reading “[COMUNICATO] SOLETERRE: fino al 13 aprile promuove la campagna SMS “GRANDE CONTRO IL CANCRO”, raccolta fondi a sostegno del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP).”

Cover singolo_Foglie di un tempo_Anthony e Vittorio Conte

[COMUNICATO] ANTHONY & VITTORIO CONTE: dal 16 marzo in radio con “FOGLIE DI UN TEMPO”, nuovo singolo estratto dall’album d’esordio in uscita in primavera (MM LineProduction Records / Universal Music Italia)

ANTHONY & VITTORIO CONTE

 DAL 16 MARZO IN RADIO CON

 FOGLIE DI UN TEMPO

 nuovo singolo estratto dall’album d’esordio in uscita in primavera

Dal 16 marzo è in rotazione radiofonica “FOGLIE DI UN TEMPO(MM LineProduction Records / Universal Music Italia), nuovo singolo dei cantautori ANTHONY & VITTORIO CONTE estratto dall’album d’esordio in uscita in primavera. Continue reading “[COMUNICATO] ANTHONY & VITTORIO CONTE: dal 16 marzo in radio con “FOGLIE DI UN TEMPO”, nuovo singolo estratto dall’album d’esordio in uscita in primavera (MM LineProduction Records / Universal Music Italia)”

494px-Martin_Luther_King_Jr_NYWTS

Martin Luther King e la disobbedienza pacifica: 50 anni dopo Memphis

A cinquant’anni dalla morte di Martin Luther King, gli Stati Uniti hanno ricordato il reverendo pacifista con una manifestazione di commemorazione che ha attraversato l’intero Paese.

La sua eredità e il suo impegno civile sono ancora vivi nella comunità statunitense e nei vari movimenti pacifici, dal movimento “Black Lives Matter”, contro le violenze della polizia, alla “March for Our Lives”, manifestazione contro le armi libere. A questa manifestazione, intervenne anche la nipote di King, Yolanda Renee di 9 anni, riprendendo la celebre frase nel nonno “I have a dream”.

Erano le 18.01 del 4 aprile 1968 quando Martin Luther King, sul balcone della stanza 306 del Motel a Mulberry Street, dove alloggiava a Memphis, fu colpito alla testa da un colpo di fucile di precisione. La corsa al St. Joseph’s Hospital, fu vana. I medici constatarono un irreparabile danno cerebrale e la sua morte venne annunciata alle 19.05 del medesimo giorno. Nonostante le richieste del Presidente degli Stati Uniti Johnson al popolo di non cedere all’impulso della violenza, i giorni dopo la scomparsa del reverendo si registrarono in oltre 120 città atti violenti. L’8 giugno, venne arrestato James Earl Ray con l’accusa di aver ucciso King. All’inizio confessò di essere lui l’assassino, ma dopo tre giorni ritrattò la sua versione professandosi innocente. Il 10 marzo 1969 venne condannato a 99 anni di reclusione. Ad essere indagato e condannato al pagamento della somma di 100 mila dollari alla famiglia di King, fu Loyd Jowers, proprietario del ristorante Jim Grill situato a Mulberry Street, dove avvenne l’omicidio, accusato di aver Continue reading “Martin Luther King e la disobbedienza pacifica: 50 anni dopo Memphis”